roberta domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 18/12/2016

Venezia

Lui non si vuole impegnare

Ho 47 anni e da tre mesi frequento un uomo di 51 anni. L'inizio è stato perfetto, ci siamo piaciuti subito e abbiamo avuto subito feeling. I primi 10 giorni telefonate ogni sera (pure quando stava in Germania per lavoro...si perché lui viaggia molto per lavoro)...dolcissimo ecc. ;Mi chiede se mi sarei potuta innamorare di lui....che lui aveva tanto bisogno di affetto e amore e anche di darne ...ma solo ad una persona che lo meritava.
Sembrava che la cosa andasse benissimo ...(. mi scriveva tesoro ...ti voglio bene...ti penso ecc...) .quando lui all'improvviso lui cambia atteggiamento...si blocca...basta parole affettuose, basta tel. tutti i giorni ecc. Io gli chiedo spiegazioni e lui mi risponde che ha paura e non vuole piu' soffrire; mi ha raccontato che usciva da una storia con una donna che sembrava innamoratissima di lui; che era partita come me...in quarta...con entusiasmo.. e che da un giorno all'altro lo ha lasciato con un sms dicendo che non lo amava più...quando fino al giorno prima aveva detto di amarlo ... Lui dice che lo ha preso in giro e che la delusione è stata grande perché lui si era fidato. (la loro storia è durata in fondo solo 6 mesi e quando lo ho conosciuto era finita da 5 mesi... lei lo aveva ricercato un mese prima del nostro incontro ma lui non la ha piu' rivoluta). Mi ha detto che lui quando ha visto che tra noi stava crescendo qualcosa si è chiuso...che lui ha alzato un muro dopo quella storia e che non riesce piu' a lasciarsi andare e a "dare"...che con me sta bene e gli piaccio tanto sia di carattere che fisicamente e di non pressarlo. Ho provato ad aspettare...ma vedevo che i suoi comportamenti non cambiavano....niente fine settimana insieme, niente passeggiate insieme...se ci si vedeva il venerdì sera poi sabato e domenica nulla.... insomma al massimo una sera a settimana e causa suoi viaggi pure ogni 15 giorni... Io ho cominciato a soffrirne molto e da li le mie arrabbiature...il dirgli che non ce la facevo cosi'...che pure io avevo bisogno di amore e attenzioni ecc....Da lui...solita risposta e cioè che non ce la faceva a darmi di piu'. Io provo a chiudere ma lui mi cerca dicendomi che gli mancavo e io crollo subito...sperando che cambi qualcosa ma lui non cambia atteggiamento. Tiro avanti altri 15 giorni e poi altro sfogo mio e gli dico che io ci soffrivo tanto e che lui non provava nulla per me e quindi non aveva piu' senso il rapporto perché io invece mi stavo innamorando. Mi dice di non andarmene e che non vuole perdermi ma nello stesso tempo non fa nulla per cambiare e darmi un rapporto normale dove si esce a fare compere...si passeggia per mano...si passa la domenica insieme ecc....(e preciso che lui la domenica che se ne sta a casa è davvero a casa da solo perché se lo chiamo mi risponde a qualsiasi ora e parla tranquillamente)....Mi dice che non dovevo pressarlo chiedendo perché cosiì lo bloccavo ancora di piu'.... Non vedendo cambiamenti e soffrendo gli lascio una mail e gli dico che non posso più continuare ma lui tornato dall'estero mi chiama e dice che sa che non è quello che penso veramente e cosi' ci vediamo ...stiamo benissimo insieme ma nulla cambia. Premetto che nell'intimità lui è dolcissimo e potrei quasi giurare che quando fa l'amore in quel momento mi sta amando....ma finito quel momento torna rigido .
Esasperata ho deciso di riprovare a chiudere dicendo che era chiaro che per lui andavo bene per la serata ma non come sua compagna per una storia seria e gli blocco il telefono ed sms...tutto in modo che non potesse piu' contattarmi....Ma alla fine mi scrive una mail dolce dicendo che non poteva stare senza di me e io accetto di vederlo sperando in un cambiamento....
Puo' essere vero che un uomo abbia questi blocchi e paure? O è una bella scusa e basta?
Cosa devo fare? Devo sparire davvero in modo che lui decida cosa vuole e mi dia un rapporto normale? IO chiedo un normale rapporto dove si va al cinema...al fine settimana sia scontato che si stia insieme...ci si cerca e ci si fidi....

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Giuseppina Cantarelli Inserita il 18/12/2016 - 18:05

Cara Roberta,
mentre leggevo la sua missiva così colma d'angoscia , mi sono chiesta come mai lei sia finita nelle grinfie di un soggetto del genere. Ogni atteggiamento di costui, sembra ricalcare il copione del" manipolatore perverso". L'eccitazione e il piacere di quest'uomo non paiono affatto derivanti dalla possibilità di una frequentazione con lei , (per quanto affascinante e bella lei possa essere e sicuramente lo sarà), quanto da quella di poterla usare come vittima sacrificale da tormentare fino all'esasperazione. La storia della precedente relazione , che l'avrebbe lasciato così devastato e deluso poi, ha un grande sapore di ambigua menzogna.
Ciò che quest'uomo pare amare sopra ogni altra cosa, sembra proprio essere la possibilità di "agganciare un soggetto vulnerabile e sensibile per farne un pò ciò che vuole". Mi dispiace ricordarglielo , perchè mi sento molto vicina al suo sofferente smarrimento e mai vorrei ferirla più di quanto lei non sia già ferita , ma esperienza insegna che , soprattutto gli uomini , quando desiderano profondamente qualcosa o qualcuno , sono in grado di mettere in atto ogni possibile strategia per avvicinarsi tanto da potere competere con qualsiasi nemico, pur di conquistare il cuore della propria amata o di entrare in possesso dell'oggetto ambito. Mi pare che la persona in oggetto , abbia queste qualità , ma che , le utilizzi per scopi forse non del tutto nobili.
Spetta a lei decidere se accettare le alternanze d'umore e i bizzarri desideri di questo signore, godendosi quel pò che ne può derivare senza fare drammi se lo dovesse vedere sparire poco dopo accampando scuse più o meno risibili o pateticamente insincere, oppure cambiare n. di telefono e tagliare ogni possibilità di comunicazione con lui riprendendo in mano la sua esistenza e volgendo la propria attenzione altrove.

Augurandole ogni bene,

La saluto cordialmente.

Dott.ssa Giuseppina Cantarelli

Parma

Dott.ssa Erica Tinelli Inserita il 22/12/2016 - 10:31

Salve Roberta, è difficile dire da cosa possa essere determinato il comportamento di quest'uomo. Il fatto che possa essere rimasto deluso e scottato dalla storia precedente sicuramente è una possibilità, così come è una possibilità il fatto che in realtà non vuole impegnarsi a prescindere. Non conoscendolo è impossibile darle una risposta.
Cosa deve fare? Questo lo deve decidere lei, uno psicologo potrebbe aiutarla a considerare la situazione da punti di vista differenti, ma la decisione rimarrebbe comunque la sua. In generale deve capire se si fida di quest'uomo e se è disposta ad accettare questo suo comportamento, anche se è in contrasto con le sue aspettative e con i suoi bisogni.