Ilenia domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 02/12/2016

Perugia

Relazione malata

Salve, mi chiamo Ilenia e ho 25 anni. Da 4 mesi ho una relazione con un uomo che non riesce ad avere un distacco dalla ex. Dopo una storia con questa ragazza durata 13 anni anche dopo che si sono lasciati lei continua a pretendere una sorta di fedeltà e eterna presenza da lui.
Questo, ovviamente, crea nel rapporto di coppia molti dissapori in quanto io non accetto questa situazione e cerco di spingerlo a prendere in mano la situazione, lui , dall'altra parte, soggiogato da anni e anni di pressioni psicologiche da parte di questa ragazza, non riesce a togliersela di dosso anche se lui le dice che vuole stare con me. Tutto ciò poi porta a litigate a non finire, a me che non mi sento amata e voluta e lui che si sente non capito e in balia degli eventi e non sa più come fare! Inoltre, questa ragazza, inizia a chiamarlo a non finire, se non risponde inizia a chiamare anche al cerchia di amici e facendo così non ci permette nemmeno di uscire per mangiare una pizza. So che forse dovrei farmi da parte e lasciar perdere tutto ma anche io non riesco a farmi valere e mollare la presa....Cosa dovrei fare? Dovrei andarmene o continuare a stargli vicino? Non riesco più a capire cosa sia giusto e cosa no!
Grazie di cuore a chi mi risponderà.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Del Signore Inserita il 03/12/2016 - 13:11

Viterbo
|

Gentile Ilenia.

in questa situazione è il suo partner che dovrebbe riuscire a chiudere il rapporto evitando meccanismi collusivi con la sua ex, altrimenti si invischia ancora di più con l'altra, accettando inconsapevolmente le sue richieste.
Purtroppo gli atteggiamenti passivi di quest'uomo non gli permettono di svincolarsi per elaborare poi un'adeguata separazione (forse per i sensi di colpa?), in genere ci vogliono mesi, talvolta anni, ma se la situazione continua in questi termini difficilmente si riuscirà a superare lo stallo che lei descrive. Tenga presente che le pretese di questa donna indicano che non riesce ad accettare alcuna separazione, ma lui che cosa fa in tutto questo?
Il suo disagio è comprensibile, ma non è tenuta ad assecondare questi atteggiamenti.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo, Psicoterapeuta
Specialista in Psicoterapia Psicodinamica

Dott.ssa Giuseppina Cantarelli Inserita il 02/12/2016 - 15:55

Cara Ilenia ,
è davvero una situazione frustrante ed umiliante quella che sta vivendo. Perchè mai quest'uomo dovrebbe continuare a permettere alla ex di chiamarlo ? Le ha forse promesso qualcosa del tipo "disponibilità illimitata " nonostante la chiusura del rapporto? Se è così , è probabile che egli la ami ancora e che non trovi il coraggio di "tagliare il cordone". Quando si è molto innamorati , è dura rinunciare al proprio amore; dietro l'angolo , ci sono : senso d'abbandono , solitudine , rabbia e desiderio che non molla la presa ma, a volte questa è l'unica via percorribile per salvarsi da qualcosa che finisce per fare più male che bene, sottrarendo energie preziose e lasciando la persona coinvolta emotivamente, completamente svuotata. Di chi parlo? Di lei naturalmente , ma anche della rivale e del suo stesso ragazzo, il quale dovrebbe a mio parere, toccare il fondo della propria crisi personale in totale solitudine , per comprendere ciò che gli sta più a cuore. I latini, per intendere il fine ultimo di un comportamento , di un atto, utilizzavano la domanda: "qui prodest"?( a chi giova?) ossia,chi trae conforto , vantaggio ed energia da questa situazione?
E' la stessa domanda che pongo anche a lei. Spero che la risposta, la stimoli a scegliere prima di ogni altra cosa , l'amore per se stessa e ad agire di conseguenza.

Un cordiale e sentito saluto
Dott.ssa Giuseppina Cantarelli
Parma