Giulia domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 15/11/2016

Alessandria

Continua voglia di sesso

Buonasera,
scrivo per parlare di un problema che non riguarda me, ma il mio ragazzo. Ha 27 anni e proprio oggi, dopo tre anni di realazione mi ha rivelato che ha un'incessante voglia di fare sesso. Se io non ci sono oppure non ci vediamo per un periodo (qualche giorno), diventa una cosa a cui non può davvero resistere.
Giustamente opta per la masturbazione che però avviene tre o quattro volte al giorno.
Si vergogna molto di questo suo "problema" e nonostante io gli abbia consigliato di andare (anche insieme) a parlare con uno specialista lui non vuole sentire ragioni.
È un fatto che lo fa sentire a disagio perchè gli succede anche a lavoro.
Lo butta giu di morale e mi ha detto che prima non era cosí, la cosa è andata un po' aumentando in questi sette/otto anni.
Sapreste darmi consigli a riguardo?
Ringrazio in anticipo.
Cordiali saluti.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Alessandro Stirpe Inserita il 16/11/2016 - 15:31

Buonasera Giulia, Le spiego una caratteristica dei soggetti di sesso maschile dall'età di 12/14 anni circa fino all'età MOLTO adulta. Il sesso fa parte delle prime attività a cui si pensa e, spesso, si fa, dalle prime ore dell'alba fino a tarda notte. Le chiedo scusa per l'ironia ma, capisca bene, non noto alcuna stranezza nella situazione che descrive, soprattutto se la questione riguarda un'altra persona e non Lei direttamente. Si dovrebbe chiedere perché non è felice di avere un compagno così "attivo" ?! Se LUI manifesta disagio l'unica cosa che può fare è quella di consigliargli un percorso terapeutico, prima di un consulto medico... o forse si tratta soltanto di trovare un equilibrio fra di voi! Ci pensi su, in bocca al lupo dott. Alessandro Stirpe

Dott. Monica Salvadore Inserita il 15/11/2016 - 22:04

Buona sera Giulia, il suo ragazzo ha mai fatto una visita da un andrologo? Sarebbe opportuno, per evitare che la causa sia di tipo organico. Appurato ciò, la masturbazione sembra essere diventato un comportamento compulsivo che probabilmente va a gestire delle problematiche di tipo ansioso. Mi spiego meglio: è possibile che il suo ragazzo usi la masturbazione in quelle situazioni in cui sente ansia o tensione, ma questa è solo un ipotesi e dovrebbe essere verificata in studio. Questo problema è solo del suo ragazzo o in qualche modo è diventato anche un suo problema? In che maniera questa influenza la vostra relazione?
Rimango a disposizione.
Dott.ssa Monica Salvadore