Alessandra domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 04/11/2016

Milano

Non c'è fiducia nella coppia

Buongiorno, sono una ragazza di 27anni, fidanzata da due anni e mezzo con un ragazzo di 28.
Negli ultimi 3/4 mesi le cose fra di noi sono notevolmente peggiorate, anche se in realtà il nostro rapporto ha sempre viaggiato come se ci trovassimo sulle montagne russe. Fondamentalmente, io non lo percepisco affidabile, motivo per il quale non riesco ad avere fiducia nei suoi confronti. C'è da dire che, in passato, mi ha (spesso) dato modo di non potermi fidare, mi è successo di scoprire messaggi con altre e un'altro numero del quale io non ero a conoscenza, circostanze superate perché è sempre tornato da me promettendomi dimostrazioni (che solo a tratti ci sono state).
Questa situazione si è anche ripresentata di recentemente, con la scoperta casuale di un altro numero ancora di telefono e un profilo facebook con foto sue ma con nome diverso, ovviamente nega che possa essere lui, anche se troppe sono le coincidenze che mi hanno portata ad avere sempre più certezza del contrario e che quindi si potesse trattarsi proprio di lui.
In questa occasione ho provato, dapprima ad affrontare il problema modificando il mio approccio alle discussioni da impulsiva e irrascibile a pacata, speravo di incutergli tranquillità e di ricevere in cambio sincerità, ma così non è stato, poi ho capito che l'unica soluzione fosse smettere di sentirlo e quindi ho iniziato non rispondendo a chiamate o messaggi, ma lui in un modo o nell'altro è sempre riuscito a raggiungere il suo obiettivo, facendomi desistere dalla mia decisione.
Devo ammettere, che sono una persona un po' maniacale, fosse per me dovrei avere sempre tutto sotto controllo e il bisogno di avere risposte a domande che si fanno spazio nella mia mente, anche se mi rendo conto che non sempre debba essere così.
Lui continua a dirmi che vuole solo me, ma non fa nulla per rasserenarmi, e quindi mi trovo in questo "loop" dal quale non trovo la forza per uscirne, oscillo perennemente tra l'ansia di volerlo a tutti i costi beccare in flagranza a giorni in cui non vorrei completamente sentirlo.
Sento che questa situazione non stia facedo altro che accentuare tutti i miei lati negativi, ma allo stesso tempo non riesco a lasciarlo, a metterere un punto definitivo e ad andare avanti sola per la mia strada, visto che lui mi rende la strada difficile.
Purtroppo in certi meccanismi mentali, come questi doppi giochi, non riesco proprio ad entrarci perché reputo di esser cresciuta con un forte rispetto nei confronti degli altri, per questo motivo mi trovo in questo stato confusionale. Credo che, in questa situazione, abbia cercato sempre di dare il massimo, di migliorare alcuni lati del mio carattere, ma ho sempre ricevuto ahimé poco.
Per Voi esperiti, quali sarebbero le soluzioni che dovrei prendere in considerazone?

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Shara Mancini Inserita il 06/11/2016 - 22:54

Gentile Alessandra,
deve essere davvero stancante per lei dover cercare continuamente indizi che dimostrino che il suo ragazzo sta tradendo la sua fiducia. E la fiducia reciproca è un elemento cardine di un rapporto di coppia che funziona bene. Sembra che tra lei e il suo ragazzo si sia instaurata una dinamica che assomiglia molto al gioco del gatto e del topo.
Sarebbe utile per lei riflettere sul suo bisogno di “avere sempre tutto sotto controllo” perché questa modalità di pensiero rischia di tenerla costantemente allerta togliendole le forze e rendendola bisognosa di continue rassicurazioni. Inoltre, sembra che lei attribuisca al suo fidanzato molta responsabilità rispetto al suo malessere.
Anche il comportamento del suo ragazzo, che sente il bisogno di avere un altro numero di telefono o un nuovo profilo facebook a sua insaputa, è rivelatore di qualcosa che non va nella coppia.
È importante che lei e il suo fidanzato vi confrontiate in maniera adulta riguardo alle regole del vostro rapporto, alle aspettative che nutrite e agli spazi personali che volete preservare.
Scrive che il rispetto è importante per lei “non riesco proprio ad entrarci perché reputo di esser cresciuta con un forte rispetto nei confronti degli altri, per questo motivo mi trovo in questo stato confusionale” ma sembra accettare o tollerare i comportamenti del partner che non condivide, sarebbe il caso invece di iniziare a rispettare se stessa come donna.
Una consulenza psicologica potrebbe facilitare la comunicazione tra di voi, se volete chiederla insieme, ma anche essere utile a lei se desidera iniziare un percorso da sola per approfondire il suo bisogno di controllo e acquisire una maggiore consapevolezza e responsabilità rispetto alle sue decisioni.
Cordialmente.

Dott.ssa Shara Mancini, Psicologa

Dott.ssa Erica Tinelli Inserita il 05/11/2016 - 08:26

Buongiorno Alessandra, in queste situazioni le decisioni da prendere sono molto personali e soggettive.
Potrei sbagliarmi, ma nel suo caso a me sembra che lei abbia già preso la sua decisione, ossia interrompere definitivamente questa relazione. Non mi sembra che abbia alcun dubbio su questo punto. Se è così, le difficoltà che incontra nel chiudere la relazione potrebbero essere dovute al fatto che questa per lei è stata una storia molto importante ed ha bisogno di supporto nell'elaborare questa "fine".
Inoltre, non ci dice nulla della sua vita, cosa fa? Come passa le giornate? Quali sono i suoi interessi/hobby? Potrebbe avere delle difficoltà a chiudere anche perché questo ragazzo potrebbe rappresentare il suo punto di riferimento principale sul quale si è concentrata negli ultimi anni, senza coltivare niente di significativo al di fuori della relazione.