vs domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 15/10/2016

Perugia

Cosa mi sta succedendo? perché faccio così?

Salve,in breve dopo una storia travagliata il mio ex mi lascia,dicendomi che non sa quello che prova per me di punto e in bianco(poi mi ha detto che in realtà mi dava 1/8 di quello che gli davo e stava attraversando un periodo no dopo una serie di lutti...nonostante i miei tentativi tra aprirsi e lasciarmi, ha scelto la seconda). Io allora ho deciso di andare avanti(dato che lui aveva detto di rifarmi una vita e che negli ultimi anni non era stato affatto un buon ragazzo:mi prendeva in giro,umiliava, davanti ai suoi amici,mai una dolcezza o una coccola,solo sesso) e sono uscita con un ragazzo, a cui piacevo in cerca di una stabilitá e per vedere se scoccava il famoso amore... L' ex ritorna e mollo tutto e mi fiondo sulle sue braccia,ma appena vedo che parte con gli amici per il mare e per l' ennesima volta non accenna a un viaggio con me(mi sento di nuovo messa da parte, non importante,la tappabuchi), decido di lasciarlo stare e di mettermi con questo nuovo ragazzo(a cui voglio bene e noto di avere un interesse). Ora sono quasi due mesi che sto con questo nuovo ragazzo...ma é un po' di giorni che vedo l' ex ovunque...mi manca!! Nonostante tutti i suoi errori...le sue mancanze...(pure io ho toppato senza dubbio) mi manca!! Quando stringo il mio fidanzato vedo l' ex... Io credo che purtroppo lo amo ancora... Lui mi ama e dice di aver capito ora cosa sono io per lui e di aver superato il momento buio e essersi reso conto di aver sbagliato tutto... Io non mi riesco a fidare! E inoltre mi trovo bloccata e confusa....cosa voglio?? Come mai non riesco a essere piú stabile?? Oltrettutto i miei parenti hanno preso in profonda antipatia il mio ex e se un giorno lo perdonassi... Devo affrontare pure i miei parenti.... Sono DISPERATA.... RISPONDETEMI PRESTO...non so che fare né con l' ex né con il nuovo ragazzo

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Emanuela Mezzani Inserita il 17/10/2016 - 08:26

Valeggio sul Mincio
|

Cara Vs,
non posso fare a meno di chiedermi da dove nasca questo suo profondo senso di sfiducia in se stessa da renderla fragile nelle relazioni, tanto da ricercare quella che, come scrive, le procura solo malessere (umiliazioni, prese in giro, tappabuchi).
Ipotizzo, ma è solo una delle possibilità, che in qualche modo lei debba riparare una carenza del passato, cosa che può fare solo lei, con un buon aiuto, attraverso un percorso per prendere atto delle dinamiche interne ed esterne, ossia familiari, che l'hanno accompagnata fino ad ora. Ciò per dire che, non è una questione solo di sua pertinenza, ma che deve partire da lei: una riflessione guidata per capire i motivi ( legittimi ma a volte disfunzionali) che si celano dietro certi atteggiamenti e fare luce su altre possibili visioni, punti di vista e risorse personali e della propria famiglia, che le consentano di fare chiarezza su emozioni, bisogni e sentimenti propri oltre che altrui.
Saluti