Sara domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 02/09/2016

Bergamo

Problema sentimentale

Sono una ragazza e sono fidanzata all' incirca da 3 anni.
Con il mio fidanzato le cose non vanno molto bene
Lui è un tipo molto testardo, durante una litigata trova sempre il metodo per umiliarmi al meglio con parole offensive, lui deve avere sempre ragione, e soprattutto (secondo lui) io sono uno scalino al di sotto di lui
Insomma, mi tratta come se mi avesse in pugno.
Lo scorso aprile mi ha lasciata con la scusa del "voglio stare un po solo, non ho bisogno di nessuno e stare con te mi causa stress dato che litighiamo sempre"
In tutto questo tempo io sono stata parecchio male (anche a causa di sue promesse non mantenute di ritorno) e un mio caro amico mi è sempre stato vicino.
Da circa giugno ci siamo rimessi insieme, le cose non vanno sempre almeglio e la situazione è sempre la stessa
Allo stesso tempo mi sono resa conto di essere cotta da questo mio amico e so che lui potrebbe trattarmi meglio
Vorrei lasciar perdere il mio ragazzo per come mi sta trattando, solo che so che sarò gelosa di lui e mi mancherà..
Cosa posso fare? ho paurissima di avere rimorsi...

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Raffaele Guarino Inserita il 03/09/2016 - 10:36

Cara Sara,
Le pene d'amore fan sempre patire e forse questa è l'unica cosa che ci rende ancora umani in questo mondo di macchine.
Tenga conto che qualsiasi risposta le possa dare va presa con le dovute precauzioni. Non esistono verità passepartout che possono calzare su chiunque. Ma proviamo lo stesso a fare un pò di chiarezza assieme.
Essere ricambiati con umiliazione dal proprio oggetto d'amore (che sia il partner, un genitore, un amico, o un familiare) è sempre una sensazione spiacevole. E per paradosso la sensazione di inadeguatezza, spesso, anziché spostarsi sull'altro, l'auto-proiettiamo su noi stessi: è forse il nostro modo d'amare sbagliato? Altre volte entrano in ballo paure di abbandono che annichiliscono e questo rende ancora più difficile qualsiasi scelta.
Di certo non posso dirle se sia giusto o meno iniziare una relazione col suo amico, però tenga presente che quando si vive un rapporto che percepiamo spiacevole, si è meno in grado di giudicare il prossimo; per tanto, spesso ci si trova di fronte a una semplificazione che porta il partner a essere identificato come totalmente cattivo e il nuovo entrante come totalmente buono (solo perché diverso). Probabilmente questo non sarà il suo caso ma forse credo sia più lecito farsi un paio di domande... e rivolgerle alla parte più profonda di sé, magari prendendosi un periodo di pausa da entrambi:
- Di cosa sarei gelosa e perché?
- Se davvero mi fa star tanto male, perché dovrebbe mancarmi?
- Ma soprattutto, cosa cerco nell'AMORE? Ho BISOGNO dell'altro perché lo AMO, o lo AMO solo perché ne ho BISOGNO?
Per qualsiasi chiarimento non esiti a contattarmi.

Le auguro tutto il meglio,
Dott. R. Guarino