Marta domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 20/07/2016

Amore malato

Salve, ho un problema serio col mio ragazzo. Quando siamo fuori in un locale con i nostri amici cambio completamente, oltre al fatto che bevo. Gli dico vai, divertiti.. come se mi mancasse completamente l'autostima! E lui pensa che voglia stare sola, invece.. in quel momento penso.che non sia all' altezza e che stia meglio senza di me. Continuando con la serata,ho fatto caso che continuava a fissare la mia amica, che è quel tipo di ragazza che si farebbe chiunque. Gliel'ho detto, e lui ovviamente me lo negava dicendomi che sono malata, e che sono queste illusioni che mi fanno andare avanti! E da li, ho cominciato a farmi la serata da sola.. e parlare ,ridere e far casino con i miei amici. (Non ho quasi più una amica femmina, sono quel tipo di ragazza che sta meglio con gli amici maschi). Allora,io credo in quello che vedo, ma capita davvero spessp che mi faccia pensieri negativi irremovibili!! specialmente quando mi trovo b mezzo a gente.. sono una persona molto riservata, m quando sono con lui nella società sto male, e viaggio.con la mente. E così sto facendo finire la mia relazione con lui. Ho bisogno di parlare. Di cambiarmi la mente. Cosa posso fare?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Emanuela Mezzani Inserita il 21/07/2016 - 08:48

Valeggio sul Mincio
|

Cara Marta,
un primo passo l'ha fatto scrivendoci; gli elementi che espone non sono sufficienti per chiarire la sua situazione ma mi inducono ad ipotizzare che questa relazione, in qualche modo, faccia emergere modalità comportamentali e di interazione che potrebbero essere delle caratteristiche personali di insicurezza e fragilità. Il consiglio che posso darle, considerata la sofferenza che porta, è di rivolgersi ad uno psicologo che l' accompagni a capire se queste fragilità fanno parte di lei e le giungono da esperienze e vissuti passati, oppure se è questa relazione che in qualche modo la espone negativamente, e in questo caso la aiuti a capirne le motivazioni. Ognuno di noi può, lavorando su se stesso, cambiare comportamenti/atteggiamenti disfunzionali che portano molto disagio, non è semplice ma possibile. Quello che non possiamo fare però è di cambiare l'altro.
A disposizione

Un caro saluto
D.ssa Emanuela Mezzani