Pamela domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 25/06/2016

Grosseto

Narcisismo? O sono io il problema?

Salve... Sono anni che e io e mio marito stiamo insieme... È un uomo ricercato per la sua simpatia, sicurezza, bellezza, disponibilità... Ciò di cui mi sono innamorata. Ma anche ciò che mi ha reso attualmente così...triste. Perche con me non e cosi. All'alba della nostra storia mi hanno rivelato un tradimento. Qui il primo nodo... Ho cercato di prenderla come una ragazzata... Per diverso tempo ho sperato che lui provvedesse all'errore. Gesti di fiducia. Ma purtroppo solo ora mi rendo conto che di cose materiali né ha fatte tante... Ma a livello spirituale... Emotivo. Niente. Ogni muro che può alzarsi in una storia duratura... Ero pronta a buttarli giù insieme, ma per quanto ho sempre sbagliato... "Io avrei fatto in modo diverso... Non perché il tuo è sbagliato, eh"! Pipponi di ore... Dove chiedevo più affetto... Più vicinanza perché avevo bisogno di lui... Finivano col sentirmi uno schifo. Perche sembrava chissa' cosa chiedessi! E qui un vuoto enorme. Nessuna risposta da parte sua solo contro domande. E la sensazione di non essere mai abbastanza... Sempre in difetto. Dice di amarmi... Ma non lo sento!!! Di fronte agli altri mi tratta come una principessa. Cosi sembro.. Musona e stronza. Perche mi sono chiusa... per anni... Cercando in lui Amore. Riesce a provarlo?!!! Con gli altri è diverso.. Con me è l'opposto. Un vecchio amico... Mi chiese: cosa hai fatto? Ti vedo così diversa... Aveva ragione. Non sono più sicura di niente. E non mi sento più a mio agio con gli altri. Adesso vede che sono in depressione... Ma sembra così distaccato. Un tempo ero colma di emozioni... Adesso provo solo tristezza e.. Sensazione disperazione! Lui sempre in piedi sorridente con tutti. Una soluzione per tutto e tutti.. Eccetto me. O perlomeno poi... Quando ci sara' tempo e non c'e altro da fare. Mi vergogno e non mi va di raccontare a persone che conosco tutto cio'. Mi sembra di parlare male di lui.. E poi quelle poche volte che ci ho provato mi hanno subito detto che sono fortunata ad avere un compagno cosi. Sono confusa. Raccontare tutto in poche righe.. È impossibile. Chiedo a voi esperti se potrebbe trattarsi di una personalità narcisista!? O se invece sono io a prenderla nel modo sbagliato? Non so... Cosa magari potrei fare. Ringrazio di cuore..

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Sciubba Inserita il 27/06/2016 - 17:27

Gentile Pamela,
parlarne con gli altri, come ha visto, non ha portato sollievo né soluzioni. Deve parlare di tutto ciò ad una persona capace di comprendere, analizzare, diagnosticare e capace poi di facilitarle il modo di approcciarsi a quest'uomo in modo più costruttivo e soddisfacente per lei. In altre parole deve parlarne con uno psicologo psicoterapeuta.
Se vuole, anche una consulenza può dare molti lumi sulla situazione che descrive perché in genere è sufficiente per capire i tratti essenziali dei partner e della loro modalità di rapportarsi.
Cordiali saluti

Dott. Antonino Savasta Inserita il 27/06/2016 - 10:18

Gentile Pamela,
tu scrivi ciò che quasi tutti provano: mancanza di amore, di attenzioni, di qualcuno che si prenda cura di noi. Speriamo sempre che la persona che ci è accanto cambi, ci ami un po' di più, in modo più vero, più viscerale, ma quasi sempre sentiamo un vuoto, un'assenza, come essere chiusi in una campana di vetro da cui vediamo gli altri sorridere, divertiti, e noi dentro ci sentiamo un po' morire. Questa sensazione, strano a dirsi è la nostra salvezza. Perché è ciò che può portarci a cercare qualcos'altro. Non in un altro uomo o in un'altra donna, ma dentro di noi. Sentiamo che l'amore nei nostri confronti manca, ma noi stessi? Cosa facciamo per noi stessi? Tanto si può fare. Contattami in privato, sarò felice di aiutarti. La tristezza è un colore che la nostra interiorità prende, ma che è possibile cambiare soltanto con la volontà.
Non è niente di impossibile.
Cordialmente, Dottor Savasta.

Dott.ssa Lucia Catiuscia Balloi Inserita il 25/06/2016 - 23:44

Ciao, mi spiace che stai male. In una relazione non esiste un errore oggettivo, è l' interazione che non funziona in modo adeguato. Ti/ vi consiglio una terapia di coppia. Se deciderete per un si contattatemi.
Un saluto