Sonia domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 22/01/2016

Agrigento

Accettare il cambiamento

Salve a tutti, mi rivolgo a voi a causa di un disagio che ormai percepisco come un vero e proprio problema. Da qualche mese il mio ragazzo,attualmente all'estero per ragioni di studio, mi ha lasciata con una telefonata. Da allora ho sempre cercato di contattarlo perchè ritenevo di avere anche io delle colpe parziali che lo hanno portato a prendere questa decisione, quindi credevo di dover in qualche modo sistemare le cose, lui non ha mai risposto, spesso non ha nemmeno letto il contenuto dei miei messaggi. Quando è tornato qui per le vacanze di Natale abbiamo deciso di incontrarci: ho visto una persona completamente diversa rispetto a quella che conoscevo, non faceva altro che autocelebrarsi, che screditare la nostra città (perchè quella in cui vive adesso è molto più "liberale", più funzionale ecc), che dire che non vedeva l'ora di tornare lì e che queste vacanze sono state una noia. L'unico riferimento degno di nota alla nostra storia è stato quello di dire che il motivo della sua felicità e del suo appagamento in questo momento è proprio questo senso di libertà che lo travolge dal momento che non deve più dividere la sua vita con un'altra persona e che è molto più felice adesso. Inutile dire che sono state probabilmente le parole più taglienti che mi siano mai state rivolte in 25 anni della mia vita, perchè io a questa persona ho dato davvero tutto ciò che avevo, assecondando le sue scelte e soffocando quasi del tutto le mie esigenze. Io sono consapevole del fatto che le storie finiscono, che sia il normale andamento della vita e che non si muore per questo, eppure io mi sento smarrita, sono triste e non riesco a fare niente senza pensare a lui, a cosa fa, a dov'è e con chi, per non parlare del fatto che non riesco a liberarmi di questo senso d'ansia,soprattutto la mattina appena mi sveglio, è come se vivessi col timore che qualcosa di brutto possa accadere. Vorrei che mi aiutaste a capire perchè non ho il controllo delle mie emozioni, perchè non riesco ad abituarmi al fatto che lui non è più accanto a me e la mia mente continua a sperare che possa tornare. Inoltre, questo e titolo informativo, come può una persona calarsi così facilmente in una nuova vita? quasi in una nuova parte? rinnegando in questo modo il passato e i suoi sentimenti senza subire alcun contraccolpo.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Loredana Ragozzino Inserita il 22/01/2016 - 20:59

Cara Sonia,
la fine di un rapporto corrisponde a un lutto vero e proprio, quindi ora sta soffrendo ma l'elaborazione ha varie fasi, e mon starà sempre così mi creda.
Ha fatto bene a scrivere.
Ritengo che il suo ex fidanzato sia stato egoista e irririspettoso con lei.
La sua fragilità maggiore cara Sonia è stata quella di anteporre le esigenze di lui alle sue.
Le consiglio di prendere in considerazione un percorso terapeutico di sostegno che l'aiutera' ad attraversare questo periodo difficile e a gestire la sua legittima ansia.
Rimango a disposizione per chiarimenti.
Un caro saluto.
D.ssa Loredana Ragozzino