Ilaria domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 29/11/2015

Firenze

Ansia e paura. Non sò cosa fare e quello che provo

Mi sento tormentata da questi pensieri e non riesco ad agire e a prendere una decisione. Ho ansia e mal di stomaco da circa una settimana. Ora che finalmente "lui c'è" sembra che non ci sia più io. Si tratta di me e il mio ragazzo. E' stata una storia molto importante. Lui era tutto per me, il mio punto di riferimento, il senso del mio domani. Anch'io ero importante per lui. Fin quando lui mi ha lasciata.. ha allontanato tutti e anche me..mi ha accusata di molte cose facendomi sentire in difetto. Ha avuto problemi esistenziali legati al ritardo accademico. Ma questo è stato solo l'inizio. Mi ha lasciato diverse volte. Sparì dalla mia vita, provavo a chiamarlo, a scrivergli, cercavo chiarimenti, ma lui non mi rispondeva mai. Io ero ostinata... e così ci persi la testa. Passai sei mesi infernali...tristezza e apatia... i miei non sapevano più cosa fare per aiutarmi. Tanti furono i tentativi invano per riconquistarlo. Fu durissima ma grazie ad una mia amica riuscii pian piano a riappropriarmi della mia vita e tornai a vivere. Proprio quando mi sentivo meglio...lui riapparve. Aveva consultato alcuni medici per farsi aiutare. Non mi fidavo più di lui e così volevo dimostrazioni e lo misi alla prova. Andò a finire male.... furono tanti i motivi..lui si sentiva sempre giudicato e trattato male ed io non considerata importante come avrei voluto. Non andava molto bene...e lui mi lasciò di nuovo. C'è l'aveva con me, sì, ma ancora non aveva superato i suoi tormenti universitari.... Sparì di nuovo.... e così nuovamente io provai a riconquistarlo invano. Ha avuto attimi di cedimento che mi hanno fatta illudere. A tratti era pronto a riprovarci e subito dopo a tirarsi indietro...ho ricevuto infiniti rifiuti per circa un anno che mi hanno fatto stare malissimo....non avevo il tempo di realizzare che fossimo tornati insieme che subito dopo "spariva di nuovo". Mi ha ferita moltissimo. In tutto questo tempo ha avuto questo bruttissimo comportamento, mi ha trattata male, mi ha fatto sentire colpevole in tante cose e ha usato parole pesanti. Ma finalmente da un giorno all'altro ha cambiato idea. E' tornato tutto come prima. Per i primi giorni io ero felicissima, non riuscivo a crederci, ma poi ad un certo punto mi sono sentita come ingoiata da un vortice, riavere tutto bello come prima, così da un giorno all'altro. Ho cominciato ad avvertire ansia e paura, di sentirlo, di vederlo. Non ci ho capito più niente.. non sò più che cosa voglio adesso..se voglio o non voglio stare con lui....non sò qual'è il senso della mia vita. Non mi sembra giusto che io ci abbia sofferto così tanto.Non è giusto. A volte vorrei vederlo, ma a volte no..... Non riesco a prendere una decisione, se una pausa, se lasciarlo.... non voglio perderlo... ma allo stesso tempo non riesco a sopportare questa situazione e sensazione di ansia e malessere. Non sò se mi manca il coraggio di lasciarlo, o se non riesco a superare le delusioni del passato, o se ho bisogno di tempo per assimilare. Non sò fino a che punto parlargli di questo mio tormento (visto che lui sembra si sia ripreso dai suoi problemi esistenziali)... A momenti (oltre questo mal di stomaco) mi viene da piangere, non vedo via d'uscita, mi sento sola..... non sò che cosa fare.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Maria Grazia Passerini Inserita il 30/11/2015 - 08:13

Buongiorno Ilaria. Leggendo la tua mail mi arriva molta rabbia, rabbia per i comportamenti, gli atteggiamenti, i rifiuti di questo ragazzo di cui scrivi, una rabbia che, probabilmente, non hai mai espresso, forse per paura di peggiorare la situazione con lui, soprattutto quando tornava nella relazione, forse per paura di perderlo proprio quando ti degnava del suo amore...E' come se il tuo valore, la tua bellezza, tutto di te dipendesse da questa persona tanto da esistere quando lui c'era e da annullarti quando lui usciva dalla tua vita. Penso che c'è una parte di te che è molto arrabbiata per tutto quello che si aspettava e che non ha ottenuto da questo ragazzo e l'altra che non riconoscendosi il suo valore e avendo sempre bisogno dell'altro per esistere, ha paura di poter rivivere il senso di vuoto, di mancanza che già conosce molto bene. Lui è quello che è, con i suoi pregi e i suoi difetti e tu non hai il potere di modificarlo. Tu puoi amarlo per quello che è, senza aspettative, senza "quanto vorrei che lui...", facendo tu quello che puoi e che vuoi fare per far funzionare questa storia oppure lasciarlo andare e cercare un'altra persona da amare e che, di riflesso, ti amerà per la donna che sei o non per quella che lui vorrebbe che tu sia.