SARA  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 25/11/2019

Matera

Che tipo di storia è la mia?

Cari Dottori, vi scrivo per provare a decifrare un rapporto che sto vivendo da un anno e mezzo. Io 36 anni, lui 35. Abbiamo iniziato a frequentarci solo per attrazione fisica infatti il primo anno ci si vedeva solo ogni 10/15 giorni, si andava a cena, al cinema, nei locali, ma prelvalentemente si faceva sesso. Non è mai stata una frequentazione di nascosto, anzi lui mi ha sempre integrata nelle sue amicizie. Da giugno invece sono cambiate molte cose, ci siamo ritrovati a vivere da soli nella stessa città a pochissimi km l'un dall'altro e abbiamo iniziato a vederci sempre più. Si dormiva insieme, si pensava alla cena da fare insieme, il week end sempre insieme, lui che organizzava sempre più cose con altre coppie di amici suoi per stare tutti insieme.... Insomma come se fossimo una vera coppia. Ma in tutto questo tempo lui ha sempre detto di non essere innamorato, e quando io mi arrabbio dice che io dovrei imparare vivere il presente senza farmi troppo domande. Poi però è sempre lui a fare il primo passo, a chiedermi cosa volessi mangiare la sera, a chiedermi come sto...trova sempre una scusa per farsi risentire. Ultima discussione proprio ieri...dice che sto diventando troppo pesante, che forse dobbiamo vederci di meno, che non posso star male per questa situazione. Io non lo capisco, perchè fa così? mi sta prendendo in giro? ha paura di affezionarsi o è proprio stro**o e senza cuore?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Roberta Altieri Inserita il 26/11/2019 - 22:42

Milano
|

Gentile Sara,
lei ci chiede che tipo di storia sia quella che sta vivendo con quest'uomo, ma non mi sembra ci siano possibili fraintendimenti: avete iniziato a frequentarvi "solo per attrazione fisica", lui "ha sempre detto di non essere innamorato" e ora chiede che vi vediate di meno.
Non mi sembra che lui la stia prendendo in giro e non so se sia senza cuore ma di certo, stando al suo racconto, non vuole una relazione che vada oltre le uscite in compagnia, i weekend insieme e una convivenza a singhiozzo.
Non ci sarebbe niente di male in questo, se andasse bene ad entrambi, ma mi sembra che lei soffra il fatto che non siate "una vera coppia" e che si sia affezionata molto a lui, se non addirittura innamorata. Purtroppo temo che non ci siano molti margini di cambiamento ma, con l'aiuto di uno psicologo, potrebbe comprendere meglio ciò che le sta capitando in questo momento della sua vita oltre che lavorare sulle sue scelte sentimentali. Molti auguri.