Marco  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 29/10/2019

Ragusa

Incompatibilità sessuale

Buongiorno, ho 45 anni e sono sposato da 20 anni (mia moglie ha 45 anni come me) e mi sento a un punto di non ritorno.
Magari rischio di dilungarmi ma voglio essere più chiaro possibile. Il mio problema assillante riguarda esclusivamente la nostra intimità perché “fuori dal letto” mi sento la persona più fortunata di questo mondo. Ho una moglie che mi ama e che amo anch’io come fosse il primo giorno, abbiamo due figli che non ci danno particolari problemi e che adoriamo, abbiamo entrambi un lavoro che ci soddisfa e che ci permette di arrivare a fine mese dignitosamente. Facciamo di tutto per non rendere la vita di coppia monotona infatti quando possiamo ci concediamo delle serate romantiche lasciando i figli dai nonni e magari un paio di volte l’anno riusciamo a concederci degli interi weekend, nel quotidiano non disdegnano mai di darci qualche bacio di abbracciarci affettuosamente anche davanti ai nostri figli. Naturalmente non è che siamo sempre pappa e ciccia, ci sono anche battibecchi e litigi così come in tutte le famiglie normali.Fin qui tutto bene.
I problemi nascono quando entriamo nella sfera sessuale, io sono un tipo molto più intraprendente perché per me in amore non esiste nessuna forma di tabù e mi piace provare tutto o meglio mi piacerebbe. Lei dice che certe pratiche sono da pervertiti e che non le piace fare. Onde evitare equivoci è meglio specificare quali sono queste pratiche: sesso orale (odia farlo e le dà fastidio riceverlo anche perché lo ritiene antigienico), sesso anale perché dice che ha paura di farsi male (secondo me è più un tabù), masturbazione reciproca prima dell’amplesso (non sopporta essere accarezzata). Lei si eccita solo con la penetrazione, infatti dopo la penetrazione si scioglie e lo facciamo con passione raggiungendo sempre l’orgasmo. Ho provato anche a proporle di vedere insieme dei film hard in modo da eccitarci prima della penetrazione così da lasciarsi andare di più e provare qualcosa di diverso (esperimento riuscitissimo) abbiamo passato una notte bellissima. Appena però glielo proposto una seconda volta si è rifiutata e non l’ha voluto più provare dicendo di non piacerle. Idem con dei sex toys, una volta gli ho proposto di giocare con un dildo, l’abbiamo comprato online e l’abbiamo provato la sera stessa che ci è arrivato, è stata la notte più passionale che abbia mai vissuto perché si è abbandonata totalmente ed è stato bellissimo. Anche in questo caso però quando glielo riproposto mi ha detto che questi giochini non gli piacciono e quando glieli propongo le sembro un pervertito. Il problema è che è sempre stata così quindi non posso nemmeno chiederle cosa l’abbia fatta cambiare. Prima di sposarci mi diceva che per fare certe cose aveva bisogno di acquisire sicurezza nel nostro rapporto, dopo sposati mi diceva di non preoccuparmi perché le serviva solo un po’ di tempo per abituarsi a determinate pratiche che per lei sono difficili da accettare, adesso dopo 20 anni ho perso ogni speranza. D’altronde da una donna che l’unico momento in cui si tocca i genitali è quando si lava, ho detto tutto. Non riesco a rassegnarmi perché mi piacerebbe vivere il sesso a 360 gradi, abbandonarci totalmente a effusioni e preliminari vari prima di arrivare alla penetrazione (l’unico modo di scaldarsi anche lei),. Sessualmente parlando, mi sento ancora nel fiore degli anni e questa cosa mi fa stare male al punto che ci penso continuamente. Quando proviamo a parlarne lei mi dice che è fatta così e non può farci nulla e mi consiglia sarcasticamente che se voglio posso andare a sfogarmi con qualche prostituta oppure di andarmi a trovare qualche “sgualdrina” che tanto di questi tempi non ne mancano in giro.
Naturalmente non mi passa nemmeno per la testa di tradirla perché la amo troppo.
Non so nemmeno se sto scrivendo per chiedere un consiglio o soltanto per sfogarmi e confidare a qualcuno il mio disagio. Magari sarò io quello sbagliato.
Grazie anticipatamente per l’attenzione, attendo se possibile qualche risposta/soluzione.
Saluti

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Jole Anna Panzera Inserita il 30/10/2019 - 14:30

Salve Marco,
lei ha la fortuna di riuscire a vivere il rapporto sessuale con spontaneità e senza inibizioni, ma non funziona per tutti così, e sembra essere questo invece il caso di sua moglie. Il contesto familiare in cui si è vissuto e l'educazione ricevuta spesso è in grado di condizionare profondamente l'approccio alla sfera sessuale che può essere percepita come un tabù. E' qui che viene meno l'attitudine verso alcune pratiche per cui l'inibizione finisce per dominare il piacere. Il fatto che sua moglie abbia più volte "ceduto" alle sue proposte e si sia lasciata andare indica che ha una natura integra che riesce a godere del rapporto sessuale, ma nel contempo reprime tutto quello che non è convenzionale in relazione alle sue credenze.
Le suggerisco di affrontare il problema in una terapia di coppia. In una storia come la vostra, dove non mancano amore e condivisione è un vero peccato che non riusciate ad instaurare un'autentica intimità sessuale!
La saluto cordialmente.
Dott. Jole Anna Panzera