Angela  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 14/10/2019

Modena

Dipendenza da cocaina: un ex che non capisco

Buongiorno, avrei bisogno di un vostro parere in quanto lo ritengo forse più di larghe vedute.
Ho 23 anni e sono stata assieme a un uomo di 37 anni per un anno e mezzo. Sarò il più breve possibile raccontando le cose più importanti. Un anno e mezzo caratterizzato da continui sbalzi d’umore da parte sua che di conseguenza portavano me ad attaccarmi in modo diciamo morboso, domande e litigi perché di tanto in tanto spariva e io sempre piena di dubbi con 2/3 avvenimenti dove gli chiesi se facesse uso di droghe dati i comportamenti così strani. Ma con dei litigi bastavano delle bellissime parole e promesse per far sì che tornasse tutto a posto. Succede che dopo 1 anno e mezzo mi lascia (questo un anno fa) ( ad oggi che so la verità ricordo perfettamente che era un periodo dove si faceva di cocaina sempre più spesso). Tutta la verità mi viene raccontata da amici in comune 3 mesi fa e potete solo immaginare come ci si senta in base ad altre storie che avrete già ascoltato. Dipendenza da cocaina da svariati anni(3/4 dove ci è dentro fino al collo e in totale 10 anni di uso). Ecco la risposta a tante domande quindi. Succede che mi rivede a fine agosto e come mi vede non fa altro che staccarsi da me, negando tutto, standomi attacca volendomi baciare fino a che non rimaniamo tutta la notte insieme. Errore mio. Mi rivede altre volte sempre in questo bar, delle volte si mostra distaccato e altre invece mostra gelosia vedendo dei suoi amici che flirtano con me ecc. ricapita 3 settimane fa che rimaniamo insieme, lui sempre che mi si attacca tantissimo, che mi dice un sacco di frasi come il fatto che mi vuole bene, che mi sente sua ecc ecc e così rimaniamo insieme tutta la notte. Vengo a sapere che parla a dei suoi amici di me se marcasse un territorio a mio avviso. Tanto che due settimane fa disse davanti a vari amici e me che io sono stata la sua fortuna. Succede invece giovedì che mi rivede sempre al solito bar e dopo un po’ mi si riavvicina e mi dice di andare fuori. Andiamo fuori e mi si riattacca, vuole baciarmi ad ogni costo, (so che aveva fatto uso della sostanza perché gli avevo guardato gli occhi ) mi vuole abbracciare, mi dice che mi vuole bene, se però parlo più seriamente è come se avesse paura di un impegno e gli dico “sembra che il tuo cuore vuole una cosa e poi sei combattuto da quella mer** con la testa”. Comunque sia non si stacca un solo attimo e mi chiede di andare da soli. Io gli dico che non può avvicinarsi a me perché è una presa in giro e mi dice che non lo farebbe mai. Mi dice allora che vuole provare a vedere come vanno le cose tra noi, che mi sente mia, mi ricorda delle cose di quando si stava assieme, ecc ecc. e finiamo insieme.
Così so che sia venerdì che sabato sera lo passa in serata andandosi a fare. Ieri torni al bar nel pomeriggio e dopo un po’ vedo anche lui. Il ragazzo della mia amica mi viene a raccontare che come disse già la settimana scorsa ci sta mollando con la sostanza, che non ne può più (lo disse domenica scorsa ma ha passato almeno 3 giornate certe se non 4 durante la settimana a farsi). Dice che ci sta mollando perché durante la stessa notte si è sentito male Aveva mischiato fumo, tiro e bere. Aggiungo inoltre che in questo bar da quando mi ha rivista ci sta venendo più spesso, cosa che prima non faceva.
Fatto sta che per quanto riguarda me si mostra in qualcosa carino ma come sta per andare via gli ricordo che mi ha detto delle cose quella sera e che deve prendere una posizione e la sua risposta è stata “si ci deve essere del rispetto, che se ti vedo ti saluto”. Io ci sono rimasta onestamente, perché così mi sento proprio presa in giro, perché non è possibile che una persona ti si avvicini in quel modo solo 3 giorni prima (non è una mia visione, ma davvero si comportava come una persona che ti vuole bene davvero, perché nessuno si attaccherebbe, ti abbraccerebbe e ti bacerebbe in quel modo, e io glielo avevo detto di continuo di non pensare di dovermi prendere in giro ed era lì a farmi solo promesse).
La verità è che sono delusa, che non ci capisco molto perché non capisco cosa voglia lui realmente e che vorrei un consiglio sul come comportarmi se dovesse esserci un’altra occasione come quella di giovedì se rimaniamo da soli e come comportarmi in presenza degli altri.
Vi ringrazio molto per la pazienza nell’aver letto tutto

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Vanda Pontara Inserita il 17/10/2019 - 16:26

Cara Angela, chi soffre di cocaina è soggetto a frequenti sbalzi d'umore per cui può passare da un momento di euforia, all'essere aggressivo o addirittura apatico. E' assolutamente normale che un comportameto instabile metta a dura prova le persone che gli stanno intorno, soprattutto perchè bugie e sotterfugi, tentativi manipolatori, fanno parte del quadro che si delinea nel tempo e rendono difficile una comprensione reciproca e un dialogo sincero.
Purtroppo chi soffre di dipendenza da cocaina sottovaluta i danni che l'uso della sostanza può generare e compromette seriamente la qualità delle relazioni che finiscono per essere "utilizzate" a proprio vantaggio, minando così la fiducia necessaria al mantenimento di un rapporto di coppia.
Purtroppo senza un adeguato trattamento è quasi impossibile uscirne....
Ti consiglio di essere ferma e di prendere le distanze, a meno che la persona in questione non voglia davvero intraprendere un percorso di cura.
In caso contrario, il rischio è di essere ulteriormente coinvolta in una relazione assolutamente dannosa e generatrice di grandi sofferenze.
Angela, capisco che tu sia già abbastanza coinvolta emotivamente e quanto già sia in crisi e stia soffrendo, ma è davvero necessario che tu capisca quanto possa essere difficile e deludente una relazione di questo tipo.
Spero di esserti stata d'aiuto. Un caro saluto