Marco  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 02/10/2019

Como

La mia ragazza non prova più attrazione nei miei confronti

Buongiorno mi chiamo Marco e ho 28 anni. Come anticipato dal titolo vi chiedo un consiglio per come affrontare questa situazione.
Una settimana fa la mi ragazza mi ha riferito che si sente confusa in merito alla nostra storia ( siamo insieme da 5 anni e non conviviamo), in particolare è da tempo che non prova più attrazione nei miei confronti, nel senso che non gli viene spontaneo baciarmi e soprattutto nel campo sessuale, non ha mai lo stimolo per prendere l’iniziativa, mi ha anche detto che non gli manco più come prima, in quanto io faccio molte trasferte di lavoro, ma questo può essere dovuto alla routine. Mi ha anche detto che tutto il resto va a gonfie vele e che io sono l’uomo che vorrebbe avere un futuro perché ci troviamo su tutto, ma che non può andare avanti così. Io di questo me ne ero accorto da mesi, ma pensavo stesse attraversando un periodo no ( lavoro, problemi fisici ecc). Lei mi ha chiesto del tempo per poter far chiarezza nella sua testa ma vuole vedermi per capirlo. Settimana prossima comunque incomincia un ciclo di sedute con uno psicologo per aiutarla nel percorso e se necessario mi coinvolgerà in questo. Premetto col dire che io la amo e che questo è stata una “pugnalata al cuore”. Cosa posso fare? Avevo pensato di distaccarmi per far sì che gli mancassi, ma non riesco a non pensare a lei è la cosa mi sta facendo soffrire. Chiedo un vostro gentile riscontro.
Buona giornata

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Federica Capelletto Inserita il 08/10/2019 - 14:09

Bergamo
|

Buongiorno Marco,
è comprensibile la sua sofferenza e, ipotizzo, anche un certo senso di impotenza poichè il solo amore per la sua fidanzata sembra non bastare a trattenerla. I momenti di crisi e confusione capitano e inevitabilmente, anche quando riguardano il singolo, risuonano nella coppia. Credo che la sua fidanzata abbia trovato una buona soluzione nel chiedere aiuto esterno per approfondire i propri vissuti e potrebbe effettivamente essere utile che anche lei venga coinvolto in un percorso. Un percorso di coppia volto a cercare significati condivisi e comprensione reciproca non è mai tempo sprecato, sia che la conclusione porti ad un rafforzamento della coppia o ad una separazione.
Credo pertanto che ci sia poco da fare se non attendere ed accompagnare la sua fidanzata nel percorso che ha intrapreso, se se la sente. Valutando anche insieme la possibilità di sedute di coppia.
Rimango a disposizione e porgo cordiali saluti,
dr.ssa Federica Capelletto