Matilde  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 02/08/2019

Nuoro

Droga e chat online

Buongiorno,
vi scrivo in merito ad una situazione che sto vivendo e per la quale non sono in grado di gestire senza un opinione di un esperto.
Ad oggi il mio compagno di 42 anni fa uso di cacaina sporadicamente quando e via da me . Sa bene che non approvo questa sua dipendenza.
A suo avviso non c’è nulla di grave , dato il fatto che l ‘uso e sporadico ed e sempre in compagnia di amici.
Io purtroppo non riesco ad accettarlo e ho espresso anche varie volte la mia disaprovazzione .
Io non ne faccio uso.
Il mio problema verso ciò, nasce dal fatto che svariati anni fa quando il mio compagno ne faceva uso più abitualmente era anche propenso a chattare ed a usare internet per incontri intimi con donne “ virtuali” durante l uso di cocaina . Per lui era diventato un mondo a se , dove era lui e solo lui.
Quando l’ho scoperto , siamo andati da un psicologo , ne abbiamo parlato , la situazione si è calmata , ma purtroppo per me, e rimasto un buco nero.
Ha capito che mi era crollato il mondo adosso.
Il problema subbentra ogni volta che lui e lontano da me , e ne fa uso( perche e il solo che lo amette)
Ora , potrei capire che se ne fa uso ogni tanto con gli amici , potrebbe darmi non tanto fastidio, ma il problema è che ogni volta che lo fa , riapre una ferita per me molto dolorosa.
Come potrei spiegarli( anche se l’ho fatto) migliaia di volte , che questa situazione sta devastando il ns rapporto o sono io che devo capire e cambiare ?
Grazie
Matilde

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 02/08/2019 - 23:56

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buonasera Matilde,
Concordo con lei quando afferma la sua disapprovazione circa la dipendenza da cocaina, la cui saltuarietà non attenua certo i devastanti effetti sulle cellule cerebrali, né sulla vita di relazione in generale.
Tuttavia, analizzando le sue parole, ho avuto la sensazione che lei, pur riconoscendo razionalmente che il comportamento di lui sia sbagliato, si stia sforzando, in qualche modo di accettare la dipendenza o comunque di attenuare la gravità di essa ("io purtroppo non riesco ad accettarlo" e "sono io che devo capire e cambiare").
Quindi, poiché ha già provato a manifestare a lui diverse volte il suo malessere generato anche dal timore delle chat, le può essere utile ora concentrarsi su di lei.
Ossia iniziare a chiedersi come mai nella vostra coppia sembra che sia solo lei, la persona che cerca di avvicinarsi e provare a comprendere l'altro, mentre lui appare concentrato su se stesso e tende a sminuire la gravità della sua dipendenza, soprattutto considerando che si associa alle chat.
Che tipo di sentimenti prova per lui?
Come si prefigura il vostro futuro?
Una consulenza psicologica individuale può aiutarla a chiarire questi punti e capire cosa sia meglio per lei.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).