Anto  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 13/07/2018

Bari

Omosessualità: dubbi

Salve, sono una ragazza di 25 anni. In passato ho avuto solo relazioni eterosessuali perché era la cosa più "normale" ma con attenzioni verso il sesso femminile sempre ignorate e confinate nell'intimità della mia mente. Finalmente all'università incontro una ragazza che ricambia le mie attenzioni e da lì inizia una relazione intensa che dura tutt'ora ma che si sta distruggendo a causa mia: per la prima volta provo desiderio e piacere sessuale con lei. Nelle relazioni etero pur ricercando la normale intimità come per tutte le coppie, non ci riuscivo, non provavo quella voglia di stare nudi o altro, se non la prima volta come tentativo. Con lei è stato diverso, era come se già sapessi e che ha trovato conferma. Non avevo più dubbi, ero felice e finalmente completa, piena. Con il tempo però, soprattutto nell'ultimo anno, ho dei momenti di forte crisi. Non sono più così sicura, provo attrazione per gli uomini anche sconosciuti e mi sembra di impazzire, di non essere più lucida a causa di questo tormento interiore tra la mia ragazza e questa incertezza. È sempre più prepotente in me l'idea di lasciarla anche se ho la sensazione di non poter amare più così, e di frequentare un ragazzo, ritrovare la tranquillità e la superficialità di un tempo sacrificando il sesso. Può sembrare un controsenso provare attrazione sessuale per i genitali maschili e immaginare (sulla base delle mie precedenti relazioni) di non provare piacere nell'atto vero e proprio, ma questa è la situazione che sto vivendo e che mi destabilizza molto. A volte mi è capitato di immaginare un rapporto o un uomo nudo e di provare piacere, attrazione e questo mi confonde ancora di più perché non mi era mai successo nemmeno quando l'eterosessualita era l'unica opportunità che mi davo e ora mi ritrovo così a provare attrazione. In questi momenti non vedo soluzione che lasciare la mia ragazza e frequentare un ragazzo anche se ciò significa perdere 5 anni di crescita, ritornare quella di una volta, superficiale che non condivide nulla del suo privato ma soprattutto non provare attrazione sessuale stando vicino ad un ragazzo. Questa confusione mi divora e non so cosa mi succeda o cosa possa fare perché intraprendendo una relazione etero perderò la. Mia ragazza e anche una parte di me. Grazie dell'attenzione.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Daniela Vinci Inserita il 15/07/2018 - 13:54

Gentile Anto,
Dalle tue parole emrge chiaramente il malessere derivante da tutti i tuoi dubbi. Identifico due elementi importanti: il primo riguarda la confusione e le perplessità circa il tuo orientamento sessuale, il secondo invece è legato alla tua relazione attuale. Se riuscissi a mettere da parte il tuo desiderio di etichettarti come etero o omosessuale credo che riousciresti a capire se la tua attuale relazione è giunta al termine o se invece tieni profondamente alla tua ragazza. La sessualità e anche gli interessi che ne derivano sono molto sfumati e, sebbene tu senta il desiderio di conoscere te stessa, forse tutte le "contraddizioni" che descrivi rendono ancora più affascinante l'argomento e te stessa.
Se ne senti la necessità, ti consiglio un perocorso psicologico per fare chiarezza circa i tuoi sentimenti ed emozioni.
Resto a disposizione,
Dott.ssa Daniela Vinci
Psicologa e Consulente Sessuale
Arluno (MI)