domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 05/05/2017

Alessandria

Insoddisfazione personale

Salve, ho 22 anni e da un po' di tempo ho qualche dubbio che io non stia facendo il lavoro giusto, faccio il rappresentante da oltre un anno, ma non ho più voglia di lavorare, anche se il lavoro sta andando bene se mi ci dedico. Quando faccio una vendita ormai è diventato per me un lavoro che non mi soddisfa come i primi mesi. Un po' come le relazioni di coppia che non vanno a buon fine, che con il tempo tendono a sviare e si inizia a perdere interesse. Prima ero un ragazzo sempre organizzato, tra uscite con amici, la musica con la mia band e le serate dove ci proponevamo per suonare nei locali. Facevo molta attività fisica e riuscivo pure a lavorare e dedicare anche del tempo a me stesso. Ma cambiando il lavoro ho solo voglia di stare con la mia ragazza e non uscire nemmeno la sera. Ho cambiato città mantenendo sempre il lavoro di rappresentanza, ma non riesco a fare più nemmeno una cosa di ciò che ho elencato sopra. Come posso fare? Sono ancora confuso dopo il cambiamento di città (da ormai 4 mesi)? Devo pensare di cambiare il lavoro perché non riesco più a mantenere gli stessi ritmi di vita?

  0 Risposte pubblicate per questa domanda