federico domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 22/02/2017

Modena

Combattere contro la paura di essere gay

Buonasera.. vi scrivo perche' ormai da 2 mesi e mezzo mi si e' insediato nella mente un pensiero che mi sta letteralmente logorando il corpo, la testa e il morale. Sono sempre stato un ragazzo molto timido e ho vissuto un'adolescenza molto particolare dove ho sofferto molto per un problema della pelle, l'incapacita' di sapermi approcciare verso le ragazze e altri. Da ormai due mesi sto combattendo contro la paura di essere gay, ero in discoteca e un mio amico si e' dichiarato gay.. mi ha letteralmente scioccato.. l'ho sempre visto in mezzo alle ragazze, sicuro di se' e mi si e' inculcata la domanda se lui e' gay lo potrei essere anche io.. da quel giorno un calvario.. ogni volta che vado in discoteca mi rassegno all'idea di essere gay e mi viene da piangere.. mi viene ansia solo vedendo uomini in giro, belli o brutti che siano, prima con i miei amici parlavamo sempre di donne, di fantasie, adesso ne parlo ma ogni volta mi viene in testa il pensiero.. tu sei gay non puoi immaginarti niente di tutto cio'.. e mi rassegno.. anche prima amavo ballare in discoteca, facevo qualsiasi mossa mi venisse in menta, adesso ho sempre paura di farmi vedere affemminato, mi viene in mente che gli altri mi vedano gay e m deprimo, quando guardo la tv provo sempre ansia quando inquadrano un uomo. o sono sempre stato certo di essere completamente etero, ma non riesco a levarmi dalla mente questo pensiero. Inoltre fin da piccolo ho sempre vissuto nell'ansia, il giorno prima di un esame, di una partita non dormivo, se vedevo qualcosa di pauroso come anche solo i documentari sugli alieni idem. Ormai sono stanco, e privo di forze, ne ho parlato con i miei fratelli ma non mi danno peso, anche loro sono motivo di sospetto e li squadro sempre per capire la mia sessualita', non mi sento capito... e le poche volte della giornata in cui non penso e sto bene, mi pongo la domanda: non penso perche' sono gay e l'ho accettato e torno a fare controlli.. anche se vedo degli uomini e non provo ansia prendo paura perche' mi dico che allora sono gay.. Mi viene da piangere soprattutto in questi giorni.. la mia vita prima era perfetta.. ero pieno di amici, ragazze, andavo bene all'universita' e amavo una ragazza,, adesso mi sembra di avere perso tutto.. Non so piu' cosa fare..

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Simone Ioppolo Inserita il 22/02/2017 - 21:07

Avigliana
|

Buonasera Federico,
il turbamento che lei descrive sembra essere profondo e doloroso, soprattutto perché sembra impedirle di vivere quella gioia e quella spensieratezza che lei dice esser perduta (sebbene alcuni sentimenti di inadeguatezza fossero già presenti).
Ovviamente non è possibile definire il proprio orientamento sessuale attraverso un messaggio, quello che posso dirle è che per capire è necessario sapersi ascoltare e osservare . Ascolti il suo corpo e senta il suo desiderio senza paura qualunque esso sia. Si faccia aiutare da chi può osservare ciò che le succede senza pregiudizi o aspettative (come a volte possono serbare amici o famigliari) ma con l'unico intento di aiutarla a far chiarezza evitando che venga logorato da dubbi e incertezze.
Al di là del suo orientamento sessuale, qualunque esso sia, lei si trova in una età nella quale deve poter scoprirsi e sperimentare facendo le scelte per il proprio futuro con la necessaria serenità.

Cordiali saluti
Dott. Ioppolo Simone
Psicologo Psicoterapeuta