maristella domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 17/11/2016

Cagliari

Matrimonio finito

Aiutatemi!!!! Non riesco a prendere una decisione perchè penso di non riuscire a cavarmela da sola.Ho piu' di cinquant'anni, non lavoro e il problema principale è questo,non essere indipendente economicamente.Non lavora neanche mio marito perchè ha perso il lavoro e l'unica entrata è l'affitto di un locale.Il mio matrimonio è finito piu' di 10 anni fa' per avvenimenti esterni e da allora dormiamo in camere separate ma abbiamo continuato a uscire 2 volte a settimana,pranziamo e ceniamo e tutto finisce qua', non c'è niente, per me non ha senso stare insieme visto che io volevo un marito e non un quasi amico.Gli ho detto che vorrei la separazione( anche se mi sento in colpa a lasciarlo) e lui è caduto dalle nuvole dicendo che lui sta bene cosi' che mi vuole bene.E'un errore rimanere cosi'?E' un male?Mi faccio tante domande,in futuro non vorrei avere rimpianti, guardarmi indietro e pensare che se avessi avuto il coraggio di lasciare la mia vita forse sarebbe potuta essere probabilmente piu' felice.Ora mie figlie sono grandi, forse tempo fa' non ho preso in considerazione la separazione per non farle soffrire perchè piccole e anche per il lavoro di lui che non andava tanto bene.Sono infelice.Vi prego di darmi un consiglio tenendo presente tutta la situazione

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anastasia Zottino Inserita il 18/11/2016 - 08:08

Cara Maristella,
lei chiede di tenere in considerazione tutta la situazione a chi la legge...in realtà io credo che lei abbia tenuto in debito conto e per molto tempo tutta la situazione, ma mi chiedo se abbia tenuto in conto se stessa. Non c'è nulla di giusto o sbagliato, ma esistono certamente le cose che ci fanno stare bene e quelle che non ci rendono felici, non appagano i nostri desideri e gli slanci che sentiamo di voler realizzare. In realtà, lei esprime in modo molto deciso il suo stato d'animo dicendo "Sono Infelice", e credo anche che seriamente suo marito stia bene così come le dice, ma il punto non è questo. Il vero punto della questione è come si sente lei, cosa è per lei il matrimonio e se sente che quello che vive rispecchia ciò che desidera e che si aspetta da un legame. E' vero, la condizione economica non è una questione di poco conto e, purtroppo a volte, neanche di semplice risoluzione, ma quanto le costa in termini emotivi restare? Indipendentemente dalle sue scelte e dalla strada che vorrà intraprendere, credo che il grande esercizio sia cercare di ricostruire se stessa, chiedendosi chi è oggi, cosa vuole per sé, che aspettative ha...sono domande difficili, me ne rendo conto, ma sappia che il punto di partenza per ogni direzione è soltanto se stessa, è da lì che può iniziare a vedere chiaro, facendo spazio dentro di sé per la donna che è oggi.
Le invio un caro saluto, restando a disposizione.

Dott.ssa Anastasia Zottino
Psicologa
Aprilia (LT)