nanerottola domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 28/11/2014

Terni

rapporto con mia madre

salve! mi chiamo anna ed ho 22 anni. Da tempo mi trovo a combattere con mia madre,la causa?non lo so. mia madre si è sposata giovanissima 20 anni e a 21 anni ha avuto la prima figlia,cioè me,per poi avere successivamente altre 3 gravidanze di cui una purtroppo andata male.La mia infanzia è stata abbastanza tranquilla,forse perchè ancora non capivo cosa mi sarebbe aspettato una volta cresciuta. oggi,come dicevo,mi ritrovo a discutere ogni santo giorno,ogni ora,ogni minuto e ogni secondo con lei. mi isulta dicendo obesa,cretina,idiota,non vali un cavolo,sei stata lo sbaglio più grande della mia vita,io sono bella e perfetta e tu non lo sarai mai,sei invidiosa di me...bhe insomma,chi più ne ha più ne metta. Oggi mi ritrovo ad avere 22 anni,a non uscire quasi mai di casa perchè ho paura del contatto con la gente,insicura,perennemente triste e piena di domande. Ho un ragazzo da 5 mesi,vorrei farci l'amore,ma lei (mia madre) non vuole perchè passerei per una poco di buono e i sensi di colpa mi impediscono di fare di testa mia. Lei mi impedisce di fare ciò perchè vuole che io segua la sua strada e cioè pura fino al matrimonio. e infine,ciliegina sulla torta,ogni volta che discutiamo (la maggior parte delle volte è colpa sua) sono io a chiederle,anzi implorarle,perdono,perchè non riesco a non parlarle per un giorno intero. ora,le chiedo davvero aiuto,perchè sto impazzendo,ho provato a parlare con lei ma mi fa passare da bambina viziata e incapace. aiuto!

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa DANIELA SIRTORI Inserita il 10/12/2014 - 16:16

Cara Anna, ognuno di noi è una persona unica e irripetibile e nemmeno un genitore può decidere per nostro conto chi o come dobbiamo o dovremmo essere. Tuttavia, un genitore è in genere un punto di riferimento importante e sentire di non avere la sua approvazione può renderci insicuri, farci sentire abbandonati a noi stessi e un pò in colpa per essere causa di contrasti. Ma proprio i continui litigi potrebbero significare che lei sta trovando un suo modo di essere e sta lottando allo stesso tempo con se stessa, per diventare una persona indipendente, e con sua madre, per rimanere come lei la desidera. Avere qualcuno al di fuori dell'ambito familiare che le offra appoggio e nuovi punti di vista è altrettanto importante per prendere fiducia in se stessa. Coltivi relazioni, non le sfugga. Comprendo la fatica del combattimento ma questa è una battaglia fondamentale per il suo futuro.

Dssa Daniela Sirtori