Luisa domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 04/03/2017

Genitori retrogradi

Salve, ho davvero bisogno di un aiuto. Ho 24 anni e da 8 sono fidanzata con un ragazzo della mia stessa età. Ne abbiamo passate davvero di tutti i colori e sempre e solo per colpa dei miei genitori. Sono persone con una mentalità davvero molto all'antica, se non troppo; basti pensare che io a 24 non ho mai fatto una vacanza da sola, la sera quando esco per la mezzanotte devo tornare a casa altrimenti finiamo per litigare e a volte sono anche volati schiaffi, tanto che si alzano la notte per controllare che io fossi ritornata e, tra l'altro, non posso uscire più di una volta a settimana altriment sono nuovi litigi. ho trovato sfogo in un gruppo teatrale ma anche per questa cosa stanno premendo perché lasci, in quanto per loro mi distare dalla studio. Anche l'università è diventta un problema, mi sento male mentalmente e non riesco a studiare, non riesco a fare niente e per questo mi ritrovo fuori corso e con i miei genitori che mi rinfacciano i soldi che loro pagano per la retta e la mia inettitudine (mi viene rinfacciato spesso di essere una fallita). Il mio fidanzato ora sta lavorando in un altra regione lontana dalla mia ed è l'unico con cui posso sfogarmi. Più vlte mi dice di andare via e raggiungerlo ma non ne ho il coraggio. da quando è partito e cioè due mesi sto sempre i casa perché non ho nessuno con cui uscire e l'aria tra me e imie è diventata irrespirabile...ormai mi viene rinfacciato di tutto. Anche per quanto riguarda il mio fidanzato me ne dicono di tutti i colori...per loro anche lui è un fallito perché ha deciso di accettare il ruolo di bidello e per loro è una vergogna..mi ripetono spesso che stando con lui mi rovino il futuro, che diventeremo due fallito che non riuciranno a vivere...davvero non ne posso più.
Sono arrivata al limite...e a volte faccio dei pensieri strani...vorrei finirla qui...non sopporto più questa situazione e mi ritrovo completmente da sola...ormai le mie giornate le passo a piangere...cerco di parlare con loro ma finiamo sempre con le loro urla e i miei pianti disperati...Per loro esiste solo il loro modo di vivere...tutti gli altri non sanno vivere e tutti sono sbagliati...Cosa posso fare? Non ho il coraggio di scappare via e nemmeno di affrontarli perché so che reagirebbero anche fisicamente...sto male e avrei davvero bisogno di qualcuno con cui sfogarmi...

  0 Risposte pubblicate per questa domanda