Vale domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 22/11/2016

Napoli

Minacce, gestione della vita e depressione.

Buonasera...sono una ragazza di 27 anni con un problema che mi perseguita da tanto e tanto tempo ma che solo ora mi ha messo in condizioni di cercare seriamente aiuto. Questo problema sono i miei genitori che all'apparenza sembrano due persone moderne e aperte ma in realtà sono i miei...carcerieri, se così li si può definire.
A loro devo rendere conto di ogni cosa, di ogni spostamento che faccio, devo chiamarli anche se vado a un appuntamento con un'amica perché devono assicurarsi che io sia sana e salva, ho una ritirata quando esco di sera che devo RIGOROSAMENTE rispettare, salvo alcuni rarissimi casi (che mi vengono poi rinfacciati). Premetto che non ho mai dato loro grattacapi, sono stata una di quelle classiche figlie 'modello', sono laureata da due anni e mezzo a pieni voti e ora "lavoro" solo per punteggio (quindi non vedo becco di un quattrino) come insegnante in una scuola paritaria. Questa premessa è importante poiché è in questa scuola che è iniziato il mio "dramma"... poiché io e un mio collega ci siamo innamorati. Alla follia. Ma per mia enorme sfortuna lui, dopo l'avvenuta separazione, ora è in fase di divorzio perché la sua ex moglie lo ha tradito e la brava signora ha in custodia le due bambine e vive felicemente col compagno. Teoricamente non dovrebbero esserci problemi...E invece il problema c'è e si chiama ETICA BIGOTTA. Dopo una frequentazione di nascosto decisi di parlare apertamente coi miei genitori...E da lì è iniziato il mio incubo. Sono letteralmente impazziti, si facevano venire l'impossibile, svenimenti, innalzamenti di pressione, pianti, vomito. Mio padre mi picchiò dicendo che ero diventata una poco di buono facendo cose moralmente ed eticamente ingiuste e chiamò il mio collega per tre volte minacciandolo di fargli del male fisico se solo si fosse avvicinato a me. Azzardai una fuga e mi chiusero in casa, a chiave. se solo avessi provato a raggiungere il mio uomo avrebbero scatenato un inferno...e per un periodo non mi è stato concesso di uscire. Da poco ho ripreso un po' di vita sociale, ultracontrollata, chiamate continue e pressioni costanti. Non posso più nominare l'uomo che amo, in casa mia è diventato "l'essere immondo schifoso che ha osato avvicinare una ragazzina". Ragazzina. Noi ci amiamo da morire, ogni giorno sempre di più e abbiamo DAVVERO bisogno l'uno dell'altro. Riusciamo a vederci solo una volta a settimana di nascosto per un paio d'ore quando ci va bene, sempre col terrore che possiamo essere scoperti e che succeda il finimondo. Non vivo più. Non sorrido più. Cosa posso fare...?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Cristina Giacomelli Inserita il 23/11/2016 - 09:27

Gentile Vale
comprendo la sofferenza che sta vivendo, ma io credo che la soluzione del problema è nelle sue stesse mani. Non esisterebbe carceriere se non esistesse un carcerato: si tolga dalla posizione di carcerata, di quella che subìsce la violenza (psicologica e non, da come ho capito) dei suoi genitori. Ha 27 anni, una laurea e un lavoro (seppur precario), un compagno che la ama e la rispetta: ora deve scegliere cosa vuole dalla sua vita, se continuare a fare la figlia o diventare donna a tutti gli effetti.
Le mie parole possono sembrare dure e insensibili ma, mi creda, so perfettamente che non è affatto facile mettere in pratica ciò che le ho suggerito. Vivere la propria vita richiede sempre un atto di coraggio e soprattutto richiede di volersi bene. Lei merita di essere libera e di vivere felicemente la sua vita; allora non lasci che siano gli altri a gestirgliela. I figli non sono mai proprietà dei loro genitori...
Le consiglio di riflettere su se stessa, su chi è e sui progetti che vuole realizzare nella sua vita; e poi si impegni con tutta se stessa per realizzarli.
Considerando che non è mai cosa semplice e indolore opporsi ad una situazione familiare come quella da lei esposta, credo che sarebbe molto utile se lei si rivolgesse ad uno psicoterapeuta (preferibilmente psicodinamico) sia per essere supportata in questo momento difficile, sia per capire profondamente quali dinamiche inconsce si nascondono dietro al suo atteggiamento remissivo e alla sua bassa autostima.
Le auguro il meglio e rimango a disposizione per eventuali chiarimenti.
Cordialmente

D.ssa Cristina Giacomelli
Lanciano (CH) - Pescara