Elle domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 10/05/2016

Firenze

Mia figlia una lesbica e vuole andare via

Salve,mi chiamo Elle.
Avrei bisogno dei vostri consigli. Sono una mamma disperata..1 mese fa ho scoperto la mia figlia di 23 anni è diventata una lesbica. Ho scoperto quando ha portata la sua partner dicendomi è una sua amica a casa nostra per 10 giorni. Questa ragazza vive in Inghilterra e già venuta a casa nostra 3 volte per stare con la mia figlia e l'ho accettata pensando che piacere per la mia figlia avere una amica che la visita fuori dall'Italia però sentivo qualcosa di strana da comportamento di mia figlia finché ho trovato delle prove che non sono amiche ma sono una coppia di lesbica. Sono distrutta non so come affrontare questa problema. Da 1 mese non ci parlo più con la mia figlia perché sono talmente distrutta e mi ha riempito delle bugie in questo 2 anni dopo ha consciuta questa ragazza e ha portato anche dormire in camera mia quando ero all'estero l'anno scorso e hanno fatto il sesso sul mio letto dove dormo io con mio marito che non è suo padre biologico ma un uomo che la tiene come sua figlia vera. Adesso la mia figlia ha perso la testa per questa ragazza e vuole andare vivere in Inghilterra a tutti costi e mi ha chiesto suo passaporto perché dice ha 23 anni e io non ho diritto di obbligare lei di rimanere sempre a casa nostra e non può andare avanti per la sua vita. Ma in realtà è vero la mia figlia ha 23 anni ma ancora non ha la sua dipendenza! Nel senso ancora non lavora, vive e mangia sempre da noi genitori. Come faccio lasciare una figlia andare in Inghilterra senza niente solo per vivere con questa sua ragazza che solo una studente anche se mi dice cercherà lavoro una volta è lì. Non siamo cittadini Italiani,vengo dall'Asia ma sono sposata con un italiano. Per questo abbiamo il passaporto di nostro paese e ci vuole il visto per andare in Inghilterra. Adesso la mia figlia si sta organizzando per andare in Inghilterra e mi ha chiesto del suo passaporto ma io non glielo do per evitare futuri problemi e anche perché non mi fido di questa ragazza sua. La mia figlia non ha mai avuto abuso sessuale nella sua vita. Era una ragazza normale che aveva la bocca aperta quando vedeva un bell'uomo anche dal televisione! È diventata così da quando ha conosciuta questa ragazza su internet. Adesso ha perso la testa, mi odia,mi ha riempito delle bugie,mi ha insultato di tutto perché io non glielo do il suo passaporto :( è andata via di casa da 3 giorni non so dove sta perché mi ha bloccato e non ho opzione per contattarla. Ha scritto solo al suo fratello che è al posto sicuro ma non ha detto dove. Ho contattato i genitori di questa ragazza (ho trovato il loro numero quando era a casa mia) e ho spiegato di tutto quello che è successo ma loro reazione è di bloccarmi senza nessuna parola. Già questa cosa mi ha dato fastidio perché non penso un comportamento giusto dalle parte di genitori. Anzi mi ha fatto un punto interrogativo come si sono comportati tutti e due il padre e la mamma di questa ragazza e devo lasciare la mia figlia andare a vivere con la loro figlia?
Cosa dovrei fare? Tengo sempre il suo passaporto per proteggerla da futuri problemi (anche perché non conosciamo nessuno in Inghilterra,non abbiamo parenti,nessuno!) o glielo do e la lascio andare con il rischio di perderla ? :( Ho il diritto come una madre di tenere il passaporto di mia figlia di 23 anni che vive ancora sotto la mia responsabilità? Esiste un posto dove posso chiedere assistenza su queste cose? Sono depressa..non so più cosa fare..aiutatemi :((

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Del Signore Inserita il 10/05/2016 - 21:02

Viterbo
|

Gentile Signore,

nella scelta dell'orientamento sessuale di sua figlia non c'è niente di "problematico", soprattutto se sua figlia è serena e sta bene con se stessa.
E' comprensibile il suo spiazzamento, a molti genitori capita nelle prime fasi di fare fatica ad accettare determinate scelte dei figli.
Quindi potrebbe essere utile per lei come mamma contattare un Collega di persona per fare chiarezza e cercare di elaborare questa nuova condizione.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo, Psicoterapeuta