Silvia  domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 11/04/2021

Brescia

Distrazione a scuola di mia figlia

Buongiorno, mia figlia ha iniziato a settembre la prima elementare e le maestre finora ci hanno detto che è brava ma si distrae e questa cosa l'hanno scritta anche in pagella nella parte didattica, nonostante ci abbiano detto che si tratta di carattere. La bimba è solare e intelligente e ha acquisito a pieno tutte le competenze della sua età, a livello sociale e scolastico, ma è anche molto sensibile e a fatica tira fuori le sue emozioni. In classe ci sono bimbi molto veloci e una maestra spinge molto a una sorta di gara di velocità e dice a mia figlia spesso di sbrigarsi che gli altri la aspettano.noi a casa lavoriamo molto sul rafforzo positivo ma questo atteggiamento a scuola ovviamente non aiuta. In dad abbiamo notato che non viene coinvolta molto nelle lezioni e spesso si annoia perché non la chiamano. In classe è stata sempre messa all'ultimo banco perché molto alta.
Non sappiamo davvero più come parlare con le maestre perché fanno molto muro.
Dimenticavo..la bimba il primo giorno era stata inserita in un'altra classe,con la sua amichetta della materna e altri bimbi provenienti dalla stessa scuola.nel corso della mattinata è stata l'unica ad essere fatta alzare e spostare in una classe diversa in cui c'era un folto gruppo provenienti dalla stessa classe della materna. Allora nostra continua richiesta di spiegazioni non ci è mai stata data una risposta sensata.
Grazie in anticipo per l'attenzione
Silvia

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Roberta Altieri Inserita il 12/04/2021 - 17:32

Milano
|

Gentile Silvia,
mi sembra che l'impatto della sua bambina con la scuola primaria non sia stato dei migliori: un cambio di classe senza preavviso e senza motivazioni, insegnanti poco empatiche che spingono sulla competizione e una bella "etichetta" di alunna che si distrae, per di più in una situazione di pandemia come quella che stiamo vivendo.
Quello che colpisce è la difficoltà di comunicazione tra scuola e famiglia ("fanno molto muro", "non ci è mai stata data una risposta sensata") che lascia voi genitori, e anche la bimba, in una posizione di passività e impotenza.
Credo che sia importante evitare il cristallizzarsi di questo clima che è, insieme, giudicante e distratto, nel quale vengono rilevati i (presunti) limiti di vostra figlia senza che vengano suggerite strategie per aiutarla ("è carattere", "non viene coinvolta").
Suggerirei di chiedere con decisione un colloquio con tutte le insegnanti e, in caso di rifiuto o di confronto infruttuoso, vi consiglierei un confronto con il dirigente.
Molti auguri e ci riscrivo, se ritiene