Luana  domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 29/09/2018

Comportamenti bambina due anni

Ho 31 anni e ho una figlia di due anni e mezzo bambina socievole e dolce,ama nonni e zie,abbiamo iniziato l asilo da poco e da allora qualcosa è cambiato,è diventata insicura piange mi dice che ha paura e mentre prima stava volentieri con la nonna ora piange come disperata e ieri mi ha detto che le maestre la picchiano.
Come capire se ciò corrisponde a realtà?
Perchè da che stava con la nonna in maniera tranquilla ora si dispera?
Grazie

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 29/09/2018 - 18:51

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buonasera Luana,
Comprendo la sua preoccupazione derivante dal fatto che i comportamenti descritti non corrispondono all'immagine precedente che aveva costruito di sua figlia.
Consideri che l'ingresso all'asilo può essere per i bambini un evento molto difficile da comprendere e può attivare emozioni di paura e senso di pericolo perché il bambino si trova lontano dalle persone familiari e a 2anni e mezzo dispone di pochi strumenti cognitivi ed affettivi per comprendere a pieno il senso dell'asilo, il ruolo delle educatrici ecc.
Inoltre, potrebbe temere di essere abbandonata e da ciò l' insicurezza che ha notato e la minore propensione ad allontanarsi da lei per trascorrere del tempo con nonni o zie.
In che modo è stata inserita all'asilo? Come è stata motivata la sua iscrizione? Viene identificato come un posto divertente e funzionale alla sua crescita o al contrario come un luogo in cui è costretta ad andare? Socializza con altri bambini? Come trascorre il suo tempo all'asilo (gioca, interagisce o si isola)?
L'attendibilità testimoniale di bambini che non abbiano compiuto 6 anni è molto discutibile, quindi è difficile affermare con sicurezza che quanto riferisce la bambina corrisponda alla realtà dei fatti.
Lei come madre ha questa sensazione?
È plausibile secondo lei che la bambina abbia identificato una modalità relazionale diversa da quella familiare (quella adottata dalle educatrici) con una possibile violenza, confondendo le circostanze?
Ciò che può fare è avvicinarsi alla bambina, rassicurarla rispetto al fatto che nonostante frequenti l'asilo, il vostro amore per lei è sempre forte e che non sarà mai abbandonata.
Per poter analizzare più ampiamente e precisamente la situazione sono necessarie altre info sulla bambina e sulla relazione d'attacca mento costruita con lei e col papà.
Resto a sua disposizione per eventuali altri chiarimenti.
Un caro saluto a lei e alla sua bambina.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma)