Dante domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 11/02/2015

Arezzo

mancanza di autostima e attaccamento ai ricordi

salve e scusate il disturbo. Il problema non è effettivamente mio ma non mi rimane altra scelta che consultarmi con esperti, spero riusciate ad aiutarmi. Il problema è di una persona a cui tengo tantissimo ma che rifiuta ogni tipo di aiuto perché crede di non meritarselo. Lei è una ragazza molto intelligente ma dopo un rapporto che ha avuto con un suo ex (è durato solo un mese e da un mese e qualche giorno si sono lasciati, ma ha lei ne era innamorata e lui gli ha dato ciò di cui aveva bisogno) ha perso tutta la sua autostima a livelli proprio critici, ha smesso di fidarsi di tutti, non sa piu cosa vuole e rimane attaccata ai ricordi, io ho provato di tutto per aiutarla ma ho fallito, non riesco a vederla cosi e non so piu come comportarmi con lei, vorrei aiutarla a voltare pagina ma non so come, ho bisogno di un aiuto. Non so se potete aiutarmi e mi spiace porvi questi problemi che potreste considerare stupidi ma io stesso sono disperato perch se lei sta male sto male anche io. Grazie in anticipo e scusate il disturbo nuovamente.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Mirella Caruso Inserita il 19/02/2015 - 09:33

Milano
|

Gentile Dante, la ragazza ha perso il suo uomo da un mese e qualche giorno, insieme alla sua autostima. Rimane attaccata ai ricordi perché ancora non ha superato la separazione, il tempo del distacco è davvero ancora troppo breve. Serve un po’ di tempo per elaborare quella separazione. Si comprende anche il suo disagio: se la ragazza non accetta alcun aiuto perché sente di non meritarselo, allo stesso tempo rifiuta anche il suo interesse spassionato verso di lei. Non merita aiuto, da nessuno. L'unica cosa che lei può fare in questo momento è starle vicino, ascoltandola e basta, senza dare consigli né spingerla in qualche direzione. Ma attenzione, non imponga la sua presenza, risponda a lei solo quando è lei a chiamarla. In questo momento è molto probabile che nessuno, neanche lei, possa sostituirsi al ricordo di quello. Non è facile riuscire a essere per l'altro una presenza amica, disinteressata, paziente. Sono queste competenze psicologiche che si apprendono dopo un lungo training. Se riuscite a superare questo momento, solo in seguito potrà suggerire alla sua amica la possibilità di ricorrere a uno psicoterapeuta per affrontare la scarsa autostima che condiziona la sua vita. In bocca al lupo.

Dott.ssa Mariarosaria Imbimbo Inserita il 17/02/2015 - 10:24

Caro Dante,
ho letto attentamente ciò che hai scritto e non sono affatto problemi stupidi. I problemi sono problemi.

Mi sento di farti notare che c'è una sorta di catena: Dante sta male per la ragazza che sta male per l'ex.
Inoltre, sento una confusione ed un'incapacità nello gestire le emozioni, oltre che quella che chiamo la "sindrome della crocerossina". In particolare, la tua frase "io stesso sono disperato perché se lei sta male sto male anche io" mi spinge ad indicarti di rivolgerti ad uno specialista, per poter fare chiarezza sui tuoi bisogni e sulle tue caratteristiche di personalità. Potrai così affrontare meglio le situazioni difficile, aumentando il tuo grado di resilienza e migliorando la gestione delle emozioni.
Spero di esserti stata d'aiuto e resto disponibile per altri chiarimenti.
Cordialmente,
Dott.ssa Mariarosaria Imbimbo
https://lavocedidentro.wordpress.com/
https://www.facebook.com/pages/LaVoceDiDentro-Psicologa-Mariarosaria-Imbimbo/495038047265075