Elisa pugliese domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 06/04/2017

L'Aquila

Ansia generalizzata

Salve , sono una ragazza di quasi 22 anni , sto terminando i miei studi in Sociologia. Ho usato il termine " ansia generalizzata " perché penso di avere dei seri disturbi causati dalla mia ansia . Oltre ad avere basta autostima , vivo in una situazione di disagio , timidezza a volte , paura dell'opinione di chi è vicino a me. Ma questa ansia mi spaventa dal momento in cui uscendo da una relazione precedente in cui ho sofferto veramente molto avendo molta ansia , essa persiste nella mia nuova relazione di coppia . Ho ansia quando c'è il distacco fisico con la persona che amo , quando esce senza di me ed inizio una serie di pensieri , di atteggiamenti nervosi o tristi senza nessun motivo . Mi ripeto che non ha senso stare male per cose di cui normali ma l'ansia è sempre lì. Anche nei litigi , con quel senso di colpa , di essere sbagliata , costantemente . E tutto questo termina in un pianto ... insensato ma inevitabile. E da qui nasce un fiume di pensieri negativi , brutti ... di sensazioni che non so spiegare . Che non riesco a raccontare bene a nessuno ne ad amici ne alla mia famiglia ne al mio ragazzo ... mi sembra soltanto di avere qualcosa che non va , qualcosa che non funziona del tutto dentro di me . Quel qualcosa che razionalmente mi dico di calmare ma che poi esplode in modi che non vorrei.... grazie a chi mi risponderà

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Chiara Francesconi Inserita il 07/04/2017 - 11:40

Buongiorno Elisa,
dalle tue parole emerge chiarissimo il disagio e la sofferenza che vivi e il desiderio di poter uscire da questo tunnel di ansia ed altre spiacevoli emozioni. Per poter trovare "rimedi" è però prima necessario capire bene quale sia il problema: cosa attiva la timidezza, la paura del giudizio, la scarsa stima in te stessa; quali circostanze più di altre, e anche l'iniziare a ricollegare il tuo modo di sentire ed essere attuale ad esperienze passate che possono averti lasciato queste tracce di insicurezza. Avendo più chiaro i blocchi, le difficoltà e le criticità (ma anche le possibili risorse interiori ed esterne) si potrà giungere ad instaurare un percorso di crescita e ripristino dell'equilibrio e del benessere. Per far ciò diventa però necessario un percorso terapeutico che ti aiuti a mettere in luce tutto quanto sopra accennato. Non esistono infatti soluzioni pre-confezionate idonee a tutti i casi: ogni persona è un individuo a sè e proprio a seconda di quel particolare suo modo di vedere e interpretare gli eventi di vita è possibile lavorare per smussare gli angoli della personalità. Se desideri maggiori informazioni, contattami pure senza impegno.
Svolgo anche consulenze skype a distanza.
un caro saluto,
dott.ssa Chiara Francesconi
psicologa psicoterapeuta cognitiva
www.chiarafrancesconi.it

Dott.ssa Loredana Trebisacce Inserita il 06/04/2017 - 20:18

Cara Elisa,
Quello che descrivi mi sembra una situazione con degli aspetti legati all'ansia, ma anche alla tua vita in genere.
Sicuramente sono dei disturbi che ti causano disagio e in qualche maniera alterano una vita che vorresti più spontanea e serena. Credo che affrontare un percorso ed esplorare tutte la variabili che hai descritto possa aiutarti a fare chiarezza e a risolvere tutte quelle situazioni che vivi come disagio.
Ti consiglio di rivolgerti ad un professionista nella tua zona,o se vuoi vuoi contattarmi per una prima consulenza on line, in cui potrai spiegarmi meglio la tua situazione.

un caro saluto
dott.ssa Loredana trebisacce