Flora domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 29/03/2017

Palermo

Voglio riscattarmi, ma ho paura di non farcela!

Salve, ho 26 anni e molta tristezza alle spalle... da poco più di un anno sto con un ragazzo meraviglioso che mi fa sentire molto amata e dal quale ricevo molte attenzioni e molto sostegno.
Da mesi sto vivendo una crisi personale molto profonda che abbraccia tutti gli ambiti della mia vita: carriera, università, amicizie, famiglia e relazioni passate.
Ho sofferto molto a causa delle relazioni affettive in generale, perché non ho trovato l'amore di cui qualunque essere umano ha bisogno da nessuna parte... ed in questo periodo ho delle crisi di pianto continue per tutto quello che è stato e per tutto quello che non ho ricevuto...
Spesso mi rendo conto che è difficile farmi amare perché non sono abituata ad avere qualcuno che mi cammini accanto nella vita(ad eccezione delle mie più care amiche, che però non hanno una presenza quotidiana nella mia vita) e quindi molte volte è come se non permettessi al mio ragazzo di prendersi cura di me, per la mia tendenza a fare sempre tutto da sola.
Ho paura però che lui si stanchi di capirmi sempre... in generale vorrei cambiare per darmi la possibilità nella vita di costruire tutto quello che mi è mancato... Questa persona per la prima volta mi ha fatto pensare che potrei essere una moglie, una madre, una professionista ed una persona felice e piena di affetto e l'idea mi alletta parecchio... tuttavia la tristezza, il senso di solitudine e di abbandono che ho dentro mi stanno bloccando l'esistenza...da mesi ormai sono in una condizione stagnante, non ho più dato materie, sono svogliata ed emotivamente a pezzi, mi isolo e non so come dare una svolta alla mia vita, capire bene cosa voglio e prendermi la felicità che penso di meritare,dopo una vita che tengo duro per non crollare, ma adesso cedimento e amore sono arrivati a breve distanza l'uno dall'altro e per me è difficile gestire la cosa (adesso che non sono più sola). Non me la sento di fare capire a lui l'entità del mio malessere, perché non voglio mostrarmi così fragile e perché non voglio che lui abbia paura per me...
Vorrei rimettermi in sesto, ma non so da dove iniziare e in alcuni giorni mi manca la forza di fare tutto... come faccio a non farmi rovinare il presente ed il futuro da un passato che probabilmente non ho mai elaborato, che ho affrontato nella pratica ma che non ho mai affrontato emotivamente e affettivamente?

  0 Risposte pubblicate per questa domanda