Valentina domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 21/12/2016

Catania

Ansia per la salute

Buon giorno sono nuova ho 26 anni vorrei alcune rassicurazioni, perché la mia preoccupazione mi tormenta ogni giorno ho sempre sintomi adesso da un Po di giorni avverto come bruciori al viso fronte palpebre testa! E e quindi mi sorge la paura e penso che che sarà qualche brutta malattia cosa mi dite secondo voi sono disturbi somatici? Aspetto una risposta grazie in anticipo

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Giorgia Salvagno Inserita il 22/12/2016 - 00:58

Gentile Valentina,
preoccuparsi per la nostra salute occasionalmente e in alcuni momenti della vita (magari in presenza della malattia di un famigliare) è comune e normale. Se però tale preoccupazione supera un certo livello, al punto da limitare la persona nelle sue attività quotidiane, portarla a controllarsi ripetutamente il fisico alla ricerca di possibili segnali di patologie (es: noduli al seno) e portarla a focalizzare costantemente la sua attenzione sui segnali del corpo, il tutto senza che vi sia una reale giustificazione, come ad esempio il soffrire di una malattia importante e/o rischiosa per la vita, allora potrebbe essere utile fare chiarezza sulla questione.
Innanzitutto, ha riflettuto su quando è nata questa sua ansia per la salute? Potrebbe essere successo qualcosa in concomitanza con l'inizio di queste ansie e paure? A volte, tale ansia può nascere anche in presenza di una grave malattia di un famigliare, o in presenza di gravi epidemie diffuse in varie parti del globo, di solito drammatizzate dai mass media (pensiamo ad esempio a come i mass media hanno diffuso le notizie della recente epidemia di Ebola). Altre volte, invece, le cause sono da ricercare in vissuti, pensieri e sentimenti della persona, oltre che in eventuali eventi del suo passato. Ad esempio, potrebbe accadere che una persona sviluppi l' "ansia per la salute" in quanto magari era (e/o è ancora) presente nei suoi stessi genitori: un bambino, quindi, può apprendere fin da piccolo che IL modo per approcciarsi alla salute e alla patologia è QUELLO.
Spesso inoltre, tale ansia permane nella persona in quanto a volte la propria ansia per la salute può portare a dei vantaggi secondari per la persona, da cui essa fa molta fatica a staccarsi (le faccio un esempio pratico: una persona con ansia per la salute odia andare al mare --> può utilizzare la sua ansia per la salute rispetto al terrore di contrarre le verruche come una "scusa" in modo da non recarsi in un luogo che di suo non ama).
Ancora, si è sottoposta a qualche controllo medico rispetto a tali sintomi? Posso comprendere la paura di una eventuale diagnosi infausta, ma sottoporsi a dei controlli medici potrebbe esserle utile anche per escludere eventuali patologie e quindi renderla più tranquilla.
Il mio suggerimento è quello di contattare uno psicologo che si occupi di ansia per la salute e di psicosomatica, in modo da potersi confrontare con lui e far luce sulla situazione. Può contattarne uno privato della sua città oppure uno online. A tal proposito, io mi occupo di tale tematica, oltre che di psicosomatica e offro la possibilità di consulenze online oltre che di percorsi specifici per affrontare questo tipo d'ansia. Nel caso, quindi, può tenermi in considerazione.
Mi preme dirle, infine, che spesso siamo convinti che essere in salute e stare bene significhi avere un corpo che "dorme", che non da segnali, da cui non proviene mai nessun dolore: in realtà non è così, questa è una errata interpretazione del significato di salute. E' possibile, infatti, "soffrire" di alcuni dolori o sintomi fisici senza che via sia una patologia sottostante: semplicemente il nostro corpo non è una macchina e a volte possiamo sentire dei dolori, sentire il cuore che batte un po' più forte o accorgerci maggiormente della nostra circolazione, ma senza, per questo, che vi sia una malattia.

Resto a disposizione e le faccio i miei più cari auguri!

dott.ssa Giorgia Salvagno
Psicologa a Venezia e Online