Tatiana domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 15/09/2016

Macerata

Aiuto, fatico a ricordare

Buona sera e grazie per l'attenzione
Sono una ragazza di 19 anni e ho notato ormai da un po che ho moltr difficolta a ricordare...
Ad aprile e iniziato un periodo un po forte tra me e il mio ragazzo con cui ogni giorno( letteralmente) litigavo a causa mia..(racconto questo evento poiche prima di questo periodo che va sa aprile ad oggi non ho manifestato questo problema)
Con "molta difficolta a ricordare" intendo per esempio che durante le discussioni non ricordavo piu il motivo della litigata; ultimamente ho notato che questo "problema" si sia esteso a tutto quanto e che la mia attenzione è nettamente peggiorata...mi trovo in una situazione molto difficile da descrivere, ma posso dire che non e facile poiche mi sento stupida dato che non ricordo non ho concentrazione e questa cosa e come se mi ostacola il ragionamento...
Non so cosa fare, voglio uscire da cio, da questa bolla in cui mi sento...
Spero potrete almeno un po aiutarmi
Grazie mille per l'attenzione.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Emanuela Gamba Inserita il 18/09/2016 - 21:15

Cara Tatiana, la memoria è una componente cognitiva che subisce l'influenza degli stati emotivi come tristezza e stress. Per semplificare, quando siamo molto agitati e troviamo pochi spazi da dedicare esclusivamente a noi stessi, oppure quando siamo emotivamente giù e poco presenti nelle relazioni, siamo maggiormente tendenti a distrarci e a dimenticare. E' importante, dunque, in primis lavorare alla ricerca di un equilibrio emotivo interiore.
Mi sento, però, di consigliarle anche una valutazione neuropsicologica che possa escludere eventuali cause neurologiche legate alla perdita di memoria che lei descrive come totalizzante e tranquillizzarla. Può chiedere consiglio anche al suo medico di base e richiedere a lui la prescrizione di test neuropsicologici che indaghino componenti cognitive come la memoria. Pagando un ticket , può in seguito prenotare la valutazione nell'ospedale pubblico o convenzionato più vicino a casa sua.
Cordiali saluti, Dr Emanuela Gamba