Rita domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 14/03/2016

Bergamo

Depressione legata ad un abuso?

Buongiorno,
ho 29 anni e sono sempre stata timida, ma credo il mio carattere sia peggiorato: irascibile, periodi di depressione e ultimamente mi sono isolata.
Non riesco a togliermi dalla mente che questo "incattivimento" del carattere non sia dovuto ad un abuso che ho subito da piccola. Non so se esagero con questo termine. Il fatto è successo quando ero piccola, credo andassi ancora alle elementari. In vacanza in montagna un ragazzo (io lo ricordo più grande di me), che era amico del cugino di una mia amica, con la scusa di passare un pomeriggio a giocare a carte, ad un certo punto mi si è avvicinato e mi ha iniziato a "toccare", dicendomi di non preoccuparmi, che era tutto normale e che in collegio, dove lui stava, lo facevano sempre... Io ho "reagito" bloccandomi e facendo finta di niente, continuando a giocare con il videogioco che avevo in mano. Appena ebbe finito, raccomandandomi di non raccontarlo a nessuno, con una scusa dissi che dovevo andare. Da quel giorno non scesi più a giocare, nemmeno in presenza della mia amichetta. I miei davano la colpa alla mia timidezza. Io non dissi nulla ma, dal quel momento, ho avuto sempre maggior paura di tutto soprattutto nei rapporti con l'altro sesso. Cosa che mi blocca e solo in rare occasioni riesco a farmi avvicinare. Per molto tempo la sessualità l'ho vista come qualcosa di sporco e, ad ogni modo, non riesco a relazionarmi.
Come posso superare questa cosa? Come posso smettere di pensarci, a distanza di anni, e non condizionare il mio modo d'essere e di relazionarmi anche nel rapporto con il sesso opposto? Come posso smettere di avere paura? Ho paura di non saper reagire dovesse succedere un'altra volta una cosa del genere. Grazie al cielo non sono stata violentata e l'abuso che ho subito non è stato "grave" come chi ha subito maltrattamenti, ma penso che una bambina o chiunque non debba scoprire così la sessualità o avvicinarsi a questi argomenti in questa maniera. Penso che abuso sia ogni livello di comportamento che fa stare male l'altro, facendolo sentire sporco, in colpa, con un peso sullo stomaco e imbarazzato.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Loredana Ragozzino Inserita il 15/03/2016 - 15:18

Cara Rita,
certe esperienze passate ci segnano in modo indelebile, e ritengo che non sia solo il tipo di violenza, abuso e o molestia che una persona possa subire, bensì il "suo vissuto" è il punto cardine dell'evento traumatico. Questa invadenza se la porta ancora dietro, e sarebbe utile conoscere anche il suo vissuto relazionale in famiglia e al di fuori di essa.
Visto e considerato che a distanza di anni (come riferisce anche lei), non è riuscita a superare questi accadimento negativo che causa in lei paura e ansia; le consiglio di rivolgersi a uno Psicologo e o Psicoterapeuta per poter superare questo passato cosi angoscioso che la condiziona, e allo stesso tempo far leva sulle sue risorse per alimentare la sua autostima.
Se vuole mi contatti pure privatamente.
Resto a disposizione per chiarimenti.
Un caro saluto.
D,ssa Loredana Ragozzino
Tel. 340 7362653