Federico domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 28/07/2015

Torino

Ansia ed insicurezza, senso d'inadeguatezza

Buongiorno, sono un ragazzo di 22 anni. Da molto tempo ormai sono consapevole di avere un blocco psicologico che non mi sta permettendo di vivere in maniera soddisfacente la mia vita. L'iperprotettività dei miei genitori e gli episodi di bullismo subiti in gioventù hanno fatto nascere in me un senso d'inadeguatezza ed insicurezza che è poi sfociato in una vera e propria malattia deturpante (acne nodulo cistica) negli anni dell'adolescenza, che non ha fatto altro che accrescere all'ennesima potenza (e concretizzare, azzarderei) l'ansia sociale e l'inadeguatezza che già provavo. Il risultato è che mi ritrovo a 22 anni con una rabbia repressa mostruosa, un odio irrazionale verso me stesso che sicuramente ha creato un complesso autolesionista inconscio (ma forse neanche poi tanto inconscio) che non mi permette di fare quello che vorrei fare. È un circolo vizioso dal quale non riesco ad uscire e che sta sfociando in una vera e propria depressione. Vorrei sapere il vostro parere, e soprattutto vorrei sapere se nel mio caso è consigliabile un percorso psicoterapeutico da un professionista.
Saluti.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Maria Rosaria Tamborrino Inserita il 31/07/2015 - 22:06

Caro Federico,
lei vive ormai da tempo una situazione difficile, che non la fa sentire sereno.
Io credo che lei potrebbe beneficiare del supporto di un professionista.
Comunque, potrebbe esserle utile un colloquio con uno psicologo/psicoterapeuta della sua zona, che potrà suggerirle la strada migliore per la sua situazione.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Maria Rosaria Tamborrino Psicologa/Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale