luigi  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 04/02/2019

Crisi di coppia o depressione?

Ho tradito mia moglie, per una scappatella di 2 anni e mezzo fa. Glielo doco proprio io, perchè quando vedo lei felice io lo sono a metà perchè mi riviene in mente il tradimento e poi è una donna di tuto rispetto, tutta per la casa e famoglia. Lei dopo un pò di giorni mi ha perdona, io che prima ci piangevo perchè avevo combinato un pasticcio, ora nonostante mi abbia perdonato non riesco ad essere felice. Sono andato dal medico curante e mi ha detto che sono in depressione per un pò di cose, una di queste la morte di mio padre. Ora nn amo più mia moglie oppure e tutto il contesto della depressione che mi porta ad essere così pieno d'ansia e paure? Siamo sposati da 4 anni con una bambina di 4 anni!

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Katjuscia Manganiello Inserita il 05/02/2019 - 18:17

Pesaro
|

Gentile Luigi,
probabilmente lei sta vivendo un periodo difficile di elaborazione e la tristezza o depressione sono il tentativo di dare un senso ed una svolta a quanto sta accadendo. Credo che la miglior cosa che possa fare a se stesso e farsi aiutare da una psicologa/o perché affrontare da solo questo groviglio di pensieri e paure è difficile.
Il mio consiglio è di iniziare quanto prima un percorso che le consenta di tirar fuori tutti i pensieri e le preoccupazioni e poi un giorno dopo l'altro di rimettere ordine e armonia nella sua vita.
Vedrà che si chiariranno le idee confuse di oggi e potrà tornare a sentirsi più sereno.
Un caro saluto, dr Katjuscia Manganiello

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 04/02/2019 - 15:42

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Luigi,
da ciò che racconta, posso ipotizzare che il senso di colpa per il tradimento contribuisca a renderlo infelice e acuisca la "depressine", ammesso che sia effettivamente depressione.
Forse tende ad autocolpevolizzarsi e a percepirsi come la causa della sua infelicità, quindi anche se sua moglie lo ha perdonato, è proprio Luigi, se stesso, che non riesce a perdonarsi.
Pertanto, bisognerebbe comprendere come mai ciò accada.
Una consulenza indivduale può aiutarla in questo.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).