A.  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 23/05/2018

Lecce

Confusione.. Non so cosa fare

Buonasera,
Vi scrivo per un problema che mi sta scombussolando la vita da un po. Io sono una ragazza di 23 anni, sono al' ultimo anno di infermieristica mi sto per laureare a luglio. Lavoro come legal translator e trascrittrice forense. Da circa 10 anni vengo curata per il Morbo di crohn e sto in maniera costante sotto cure e controlli. Penso che ho un problema con me perché non riesco a tenere legami duraturi con le persone sia in amore sia amicizia ecc. Con la mia famiglia non ho neanche rapporti stretti, sono una persona fredda pero se io voglio bene ad una persona e mi affeziono sono molto dolce, premurosa, li aiuto sempre e li dedico tutto e se li voglio bene li voglio per davvero faccio di tutto. Il mio problema sta che io nonostante sono una persona abbastanza realizzata, al uni vado molto bene e tutti i professori mi vogliono bene e parlano sempre bene di me nonostante tutte queste cose mi vedo un problema in me. Voglio sempre l'attenzione delle persone alle quali voglio bene, voglio proprio il loro amore come glielo do io e se non mi corrispondono mi inizia l'ansia, i dubbi le insicurezze mi sento veramente male. A tal punto che posso dire anche bugie per attirare la loro attenzione. Faccio di tutto. Però sono arrivata a questo punto che penso che questo e un problema che qualcosa non va in me. Io sono una persona buona, non sono superficiale, sono sensibile però dico bugie e non lo so mi stanno causando problemi queste bugie. Perché tanto la verità alla fine tarda ma esce sempre e a quel momento perdo quelle persone che faccio di tutto per tenerle. E questa cosa mi causa disagio e mi fa stare malissimo perché io le soffro tanto le cose. Vi ho scritto per chiedervi cosa e cosa mi sta succedendo , cosa mi causa questa cosa. Se ho bisogno di un psicologo o psichiatra per aiutarmi perché io non so cosa fare. Che ho paura sinceramente che quando mi innervosisco tanto posso fare del male a quella persona che mi causa disagio o a me stessa che mi e passata nella mente tante volte. In fine mi scuso se magari ho sbagliato la sezione ma non sapevo come classificarla questa mia situazione. Grazie mille Attendo la vostra risposta. Antonella

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 23/05/2018 - 15:35

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buonasera Antonella,
comprendo il suo malessere anche perchè dire le "bugie" le impedisce di entrare in contatto con la parte autentica del suo Sè e, come ha già intuito lei, le restituisce una relazione con l'altro effimera e confusa.
Quindi, richiedere un consulto psicologico può aiutarla a comprendere le motivazioni profonde che la inducono a dire "bugie" che al momento sembra l'unica modalità relazionale di cui dispone per mantenere il contatto/approvazione dell'altro a cui mi pare sinceramente interessata e motivata.
Con l'aiuto di uno psicologo potrà acquisire strategie relazionali più funzionali che le consentano di relazionarsi serenamente in quanto rimarrà in contatto con la parte autentica di Sè e potrà quindi costruire relazioni solide e stabili.
Un caro saluto
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma)

Dott.ssa Daniela Vinci Inserita il 23/05/2018 - 13:36

Gentile Antonella,
Hai fatto bene a scrivere qui e mi dispiace per quello che stai passando. Il fatto che tu riconosca di avere un problema e il desiderio che mostri nel volerlo risolvere sono un buon punto di partenza. Meriti di stare bene tu e con le persone a cui tieni. Per questo motivo di consiglio di rivolgerti ad uno psicologo, potrà aiutarti a capire le cause di questi tuoi pensieri e comportamenti e a trovare le strategie giuste per raggiungere i tuoi obiettivi. Di dove sei?
Resto a disposizione,
Dott.ssa Daniela Vinci
Arluno (MI)