Letizia  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 19/05/2020

Palermo

Aggressività nelle relazioni

Salve sono una ragazza di 27 anni, ho un passato abbastanza turbolento riguardo le relazioni perché il mio ex era molto violento e per questo ho dovuto denunciarlo.
poi ho conosciuto un altro ragazzo e mi sono innamorata di nuovo, stiamo insieme da due anni, per un primo periodo era tutto bellissimo, adesso è da qualche mese che assume comportamenti aggressivi, quando si arrabbia lancia gli oggetti e non si controlla, e io credo soffra di un disturbo comportamentale, ha trent anni, non riesce a gestire le situazioni di stress e reagisce male. L ho lasciato, e soffro molto, per questo. Non so come comportarmi, non so come si evolverà la situazione, se dargli un altra possibilità. Di solito questi comportamenti possono solo peggiorare, anche se lui mi promette che cambierà, ma io so che è difficile. Ho parlato con parenti amici e tutti mi hanno consigliato di allontanarlo. Cosa devo fare? Secondo lei c'è qualche speranza o è meglio che mi allontani e tagli i ponti per sempre? Per la mia incolumità? Inoltre ha problemi con le dipendenze. Che mi cisnsiglia di fare? Ritiene che sia una relazione tossica da reggere e che quindi debba continuare per la mia strada. Data la mia precedente esperienza so come funzionano questi soggetti. Ma lui è una persona molto buona, ma di conseguenza io non so se posso reggere questa situazione.

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Rebecca Silvia Rossi Inserita il 19/05/2020 - 19:44

Andria
|

Gentile Maria Letizia, credo che per lei sarebbe indicato un percorso individuale per capire che significato ha per lei intraprendere relazioni con uomini di un certo tipo. Un caro saluto

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 20/05/2020 - 09:14

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Maria Letizia,
poichè sa già "come funzionano questi soggetti" inclini alla violenza e concordo con lei rispetto a questa sua comprensione, il consiglio che mi sento di darle è quello di rinforzare ed utilizzare a suo vantaggio questa consapevolezza, valutando la possibilità di intraprendere un percorso di psicoterapia individuale.
Mediante un percorso di conoscenza personale potrà, infatti, compredere come mai lei sia attratta da uomini violenti e in questo modo evitare di incontrarne altri in futuro.
Consideri che, se non comprederà le motivazioni profonde sottostanti alla scelta di questo tipo di uomini, è molto probabile che si imbatta nuovamente in queste situazioni di violenza e che soffra.
Perciò, se desidera una relazione stabile e un uomo rispettoso al suo fianco, il primo passo da fare è occuparsi di lei stessa.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).

Dott.ssa Silvia Polizzi Andreeff Inserita il 22/05/2020 - 16:11

Cara Maria Letizia, mi dispiace per quello che ha passato. Come lei già sa però questi comportamenti possono solo peggiorare. Per cambiare bisognerebbe che la persona in questione affrontasse un lavoro su se stesso. Nel frattempo perchè non lo inizia lei? E' stata già coraggiosa nell'allontanarsi rispettando se stessa e mettendosi al riparo da forme di violenza. Ma il dolore che prova è normale e se non si fa aiutare rischia di ricaderci. Da quello che scrive trovare persone che poi si rivelano violente rientra un pò nel suo "copione" di vita, forse una psicoterapia può aiutarla a mettere ordine nel suo passato e a trovare persone che la rispettino e che la amino con modalità migliori per lei. Un caro saluto.
Dott.ssa Silvia Polizzi Andreeff