PsicologiOnline.net

...Per una Psicologia
più vicina alle persone...

L'uomo diventa quello
che pensa di essere
(Mahatma Gandhi)

Elenco psicologi, psicoterapeuti e psicoanalisti italiani

Consulenza, informazioni, curiosità

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti per ricevere Articoli, Novità ed Info su eventi nella Tua Città!

Speciale Ansia e Stress

Ultimi Articoli

  • Bisogni, attese, desideri

    Scritto da Lilia Di Rosa

    Bisogni, attese, desideri

    C’è differenza tra bisogno e desiderio?  Quando nascono i primi e come si evolvono nei  secondi?  A quale sistema di attese danno origine entrambi? Voglio partire da queste domande per indagare la trama di necessita’ ( o pseudo tali) nella quale siamo avvolti fin dal momento della nascita. E’ da quel momento infatti che la condizione di beatitudine...

    Leggi tutto... 
  • Emozioni e relazioni empatiche

    Scritto da Hermes Piacentini

    empatia-small

    Il termine emozione ha origine da “emotus”, participio passato di “emovere”, che significa “muovere da, allontanare”. L'etimologia descritta ricorda la sensazione di “essere mossi da” ciò che si prova dentro di noi. Le emozioni esistono da quando esiste la specie, sia umana che animale. Ne sono state date tante definizioni quante sono le discipline che le studiano...

    Leggi tutto... 
  • Molti disturbi possono essere curati da ciò che produce il nostro cervello se messo nelle giuste condizioni!

    Scritto da daniela calcara

    Molti disturbi possono essere curati da ciò che produce il nostro cervello se messo nelle giuste condizioni!

    Gli studi, oltre che la pratica terapeutica, dimostrano in realtà che molti disturbi vengono curati da sostanze prodotte dal nostro organismo, se messo nelle giuste condizioni di operare. Quella del buon umore è una sensazione che tutti conosciamo, un’esperienza che non è solo psichica ma anche biologica...

    Leggi tutto... 
  • Distorsioni cognitive e Sovrappeso come problema psicologico

    Scritto da FEDERICA MAJORE

    Distorsioni cognitive e Sovrappeso come problema psicologico

    Quando ci troviamo nella condizione di dover perdere peso, spesso sottovalutiamo il ruolo giocato da credenze distorte e pensieri automatici sabotanti che interferiscono con la possibilità di credere nel nostro intento, minando la fiducia nelle nostre possibilità e la motivazione a perseguire un obiettivo.

    Leggi tutto...

Psicologia: i Meccanismi di Difesa

Scritto da morena romano
Psicologa Psicoterapeuta Cesena (FC)Sito Web

Dott.ssa morena romano - Apri Scheda Personale
Psicologa Psicoterapeuta Cesena (FC)
Iscrizione Albo Psicologi Emilia-Romagna Nº 4504

c/o poliambulatorio cosmol via brusi 151 2° piano Cesena (FC)Google Maps

347-0102987

Prenota un appuntamento con la Dott.ssa morena romano Psicologa Psicoterapeuta Cesena (FC)

Si occupa principalmente di: Disturbi alimentari, Disturbi d'ansia, Disturbi dell'umore a Cesena (FC). Utilizza Terapia analitica.

 

L’approccio psicodinamico considera i sintomi come compromessi o difese da materiale inconscio inaccettabile.

Secondo la definizione di P. Cramer i meccanismi di difesa sono:

“..un operazione mentale…inconsapevole, la cui funzione è di proteggere l’individuo dal provare eccessiva ansia. Secondo la psicoanalisi classica, tale ansia si manifesterebbe nel caso in cui l’individuo diventasse conscio di pensieri, impulsi o desideri inaccettabili. In una moderna concezione delle difese, una funzione ulteriore è la protezione del Sé-dell’autostima, e in casi estremi, dell’integrazione del Sé.”

I meccanismi di difesa servono a ridurre l’ansia e l’angoscia derivante da conflitti inconsci intollerabili per la coscienza, influenzando, anzi determinando il comportamento.

I meccanismi di difesa sono:

- reversibili: ossia possono cambiare
- sono modi di gestire conflitti e affettività
- sono inconsci
- sono adattivi e patologici: ossia sono funzionali alla vita psichica, ma utilizzati rigidamente ed in eccesso causano disadattamento e psicopatologia

L’analisi dei meccanismi di difesa può aiutare nella diagnosi e nel trattamento di molte forme di disagio emotivo: ad es un individuo con tendenza all’utilizzo della introiezione avrà maggior probabilità di sviluppare depressione o schizofrenia, mentre coloro che utilizzano maggiormente lo spostamento incapperanno più facilmente in sintomi fobici e infine chi applica di più la razionalizzazione, l’intellettualizzazione e l’isolamento svilupperà solitamente disturbi di tipo ossessivo compulsivo.

I meccanismi di difesa avvengono sempre all’interno di una relazione (con persone significative o no), quindi sono intersoggettivi e sono anche sempre comunicativi, perchè implicano una comunicazione all’altro.

I meccanismi di difesa diventano disadattivi quando frustrano la capacità di relazionarsi con gli altri e di valutare gli aspetti della realtà, in presenza quindi di meccanismi di difesa disadattivi c’è una pesante distorsione della realtà ossia la realtà come percepita dall’individuo non è la realtà da tutti condivisa.

Le caratteristiche dei meccanismi di difesa disadattivi sono:

- prevalenza: si presentano spesso nella vita del soggetto

- rigidità: ossia non cambiano anche quando sarebbe necessario

- il contesto: ossia sono utilizzati indipendentemente dalla situazione

Psicologia: i Meccanismi di Difesa

Qui di seguito classificheremo le difese sulla base della loro maggiore o minore funzione adattiva:

 

DIFESE MATURE

 

-anticipazione: ci si immagina una situazione ansiogena e si pensa ai vari modi per risolverla (es studente che pensa all’esame), inoltre immaginandosi la situazione e facendo fantasie su di essa si sperimenta già angoscia, tanto che questa sarà minore quando il soggetto si troverà nella situazione reale, poiché un po' di angoscia è stata già vissuta nella fantasia. Questa meccanismo implica una certa consapevolezza.

-umorismo: si autoironizza sui propri difetti alleggerendoli ridendoci su

-autoaffermazione: rendendosi conto del disagio che crea una certa situazione, il soggetto ha il coraggio di comunicarlo a se e agli altri

-autosservazione: data una situazione angosciosa il soggetto osserva e cerca di far emergere le cause di questa angoscia, non nascondendosi nulla, questa meccanismo rivela capacità introspettiva

-sublimazione: desideri e pulsioni inconsce non desiderabili vengono incanalate in maniera accettabile

-altruismo: con questa meccanismo che si manifesta con subordinazione dei propri interessi a quelli altrui, il soggetto con una certa consapevolezza cerca di svolgere per altri azioni positive che gratificano i propri specifici bisogni delusi. In pratica consolando gli atri consola se stesso.

-affiliazione: caratterizzata dalla tendenza a legarsi, a cooperare con gli altri

-repressione: bandire consciamente pensieri o sentimenti inaccettabili

DIFESE OSSESSIVE

-isolamento dell’affetto: si separa l’affetto dall’ideazione, dal pensiero. Ad es una persona che subisce un evento traumatico ha la consapevolezza dell’evento ma relega nell’inconscio il dolore e l’angoscia legato a questa.

-annullamento retroattivo: un azione simbolica viene agita per capovolgere o cancellare un pensiero o un azione inaccettabile portata a termine precedentemente

-intellettualizzazione: il soggetto fa discorsi molto intellettuali che sono un tentativo di nascondere i suo veri desideri e bisogni

DIFESE NEVROTICHE

-rimozione: elimina dalla coscienza desideri, pensieri e fantasie inaccettabili

-formazione reattiva: consiste nel tenere lontano un desiderio o un impulso inaccettabile adottando un tratto di carattere di tipo diametrialmente opposto.

Più precisamente questo avviene nei sentimenti quando ad es si provano sentimenti ostili vs. una persona e questi sentimenti non sono accettabili, si sostituiscono con sentimenti di segno contrario quindi gentilezza simpatia ecc… senza pero esserne consapevoli e senza tendenze manipolatorie.

Ci sono persone che si definiscono “persone “come se” che forse a causa di un falso se o perchè sin da bambini gli hanno inculcato la necessita di comportarsi sempre nel modo giusto e socialmente accettabile, che per farsi accettare inconsciamente sono sempre gentili educati e carini con tutti ma a questo atteggiamento sottende una forte ostilità, un forte senso di inadeguatezza e la necessita di farsi accettare.

-spostamento: i sentimenti relativi a una data persona vengono reindirizzati su un'altra o su un altro oggetto, questo è tipico dei soggetto con fobia dove l’ansia è spostata da un oggetto ad un altro apparentemente innocuo quali animali ecc..

Ad esempio un conflitto con i genitori viene spostato su un entità superiore come un professore, la polizia ecc…..

L’ansia sessuale di solito è spostata su animali sporchi o legati simbolicamente alla sessualità come topi, serpenti ecc…

DIFESE NARCISISTICHE

-onnipotenza: il soggetto affronta le situazioni come se possedesse poteri o capacità speciali e fosse superiore agli altri

-idealizzazione: il soggetto tende ad elevare se stesso o gli altri a standard idealizzati o eccessivi, esagerando caratteristiche e comportamenti

-svalutazione: il soggetto tende a squalificare e denigrare se stesso o gli altri

 

DIFESE DI DINNIEGO

-negazione: una realtà spiacevole è negata, come se non esistesse

-proiezione: fantasie inconsce inaccettabili, desideri o sentimenti sono proiettati su un'altra persona che va a perdere la sua identità ma diventa per il soggetto espressione di un realtà distorta.

-razionalizzazione: il soggetto razionalizza tutto e cerca di dare a tutto una spiegazione per evitare di focalizzarsi sul vero motivo dei suoi comportamenti, cerca di dare una spiegazione e una giustificazione razionale e plausibile per ridurre l’ansia di un insuccesso; è una specie di “menzogna” inconscia di solito volta verso la svalorizzazione di elementi esterni

ALTRE DIFESE….

-identificazione proiettiva: si proietta qualche fantasia ostile su una altra persona (questa volta una persona significativa con la quale si ha una relazione importante e sulla quale si fa investimento libidico), e poi la si reintroietta, di solito elaborata da chi l'ha ricevuta cosi da non essere più tanto ostile e minacciosa, altrimenti chi proietta riceve di nuovo la sua proiezione come prima. L’identificazione proiettiva ha anche funzione di comunicazione.

-acting out: il soggetto agisce impulsivamente la pulsione o il desiderio inconscio

-aggressione passiva: l’aggressività non viene agita concretamente ma indirettamente, il soggetto prova ostilità verso un'altra persona ma non osa esprimere tale rabbia per cui lo fa indirettamente in vari modi: rallentando un processo; facendo qualcosa che contraddice il compito dell’altro; rendendo inutile e vano il lavoro di un altro; danneggiando se stesso quando il se stesso è l’oggetto delle cure dell’altro in questo modo svaluta e vanifica il lavoro dell’altro.

-ipocondriasi: il soggetto si lamenta continuamente dei propri disturbi fisici come l’ipocondriaco ma non cerca e rifiuta le cure. Questa fantasia sottende la fantasia di rendere impotente l’altro.

-somatizzazione: sentimenti dolorosi vengono trasferiti nel corpo

-conversione: vi è la rappresentazione simbolica di un conflitto psichico in termini fisici



Clicca qui per visualizzare l'elenco degli Psicologi e Psicoterapeuti
che si occupano di queste tematiche.

Accesso Riservato